Benedetto il frutto PDF

Chi Siamo L’Opera di Santa Teresa del Bambino Gesù benedetto il frutto PDF Ravenna è una Casa di assistenza e cura che accoglie anziani, uomini e donne, con patologie geriatriche di varia importanza e bambini cerebrolesi o con altre sindromi invalidanti. Con un piccolo drappello di collaboratrici, si lanciò in un’impresa veramente colossale, dati gli esigui mezzi di cui disponeva. Sacerdote e vero manager, capace di fare tutto, di pensare a tutto con un potente asso nella manica: la Provvidenza del Signore!


Författare: Francesca Federica Ricchiuto.

La sua grande fede in Cristo Gesù era supportata dall’offerta quotidiana di se stesso, dalla meditazione, dalla preghiera, a cui dedicava fin da giovanissimo presbitero, le ore della giornata che precedevano l’alba. Al suo passaggio dalla terra al cielo, avvenuto il 17 aprile 1958, il timone passò a Mons. Direttore dell’Opera per 30 anni, seguito poi da Mons. Matteo Solaroli, direttore dell’Opera per 21 anni, tornato al Padre nell’anno 2012, nel giorno della memoria della Trasfigurazione del Signore.

Gli è successo Don Paolo Pasini. Attualmente l’Opera è guidata da Don Alberto Camprini, Direttore. L’attenzione alle persone disagiate L’Opera di Santa Teresa è nata per servire le persone povere di mezzi materiali e prive di sostegno umano, perciò il Fondatore ha voluto offrire loro un ambiente accogliente e cordiale, capace di prendersi cura di tutti gli aspetti della persona. La solidarietà cristiana Il chinarsi sulla sofferenza dell’uomo, è un principio fondamentale dello stile di sevizio attuato da don Angelo Lolli. Il farsi solidale con l’altro è concreta condivisione, mossa da una solidarietà non generica: ci si fa carico dell’uomo, perché esso ha in sé la dignità di una persona creata ad immagine e somiglianza di Dio stesso. La familiarità Don Angelo Lolli, ha compreso che la sofferenza e il rifiuto portano la persona a chiudersi in se stessa, nonché alla sfiducia nella vita. Egli riteneva infatti, che farsi carico della sofferenza dell’altro, significasse anche creare una relazione di vicinanza, affettiva, familiare, spontanea.

La parità nel rapporto, la stabilità e soprattutto la donazione di sé, per don Angelo, assumono un valore determinante nella cura dei poveri. Open Day scuole elementari data news: 06. Avvento e Natale 2018 – appuntamenti data news: 29. Tanti incontri di preghiera e letture nel periodo Natalizio. La sepoltura di Giacobbe data news: 23.