Breve storia dell’Africa PDF

Questa voce o sezione sull’argomento storia non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Per storia dell’Europa si intende convenzionalmente la breve storia dell’Africa PDF dell’omonimo continente e dei popoli che l’hanno abitato e che lo abitano.


Författare: Winfried Speitkamp.

Il volume si apre ripercorrendo la storia dell’Africadalla preistoria fino al XVIII secolo, mostrando le formedi organizzazione sociale, le formazioni politichee i regni, le culture e i sistemi di credenza, gli scambi e leaggregazioni che hanno contrassegnato per secoli la vitadelle popolazioni africane, nella loro varietà e nelle loroattività, fino all’avvento dello schiavismo ad operadegli arabi e degli occidentali. Dopodiché Speitkampsi concentra sugli assetti e l’organizzazione internadell’Africa nel pieno dell’epoca coloniale, soffermandosiin particolare non solo sul ruolo degli apparati burocraticie militari, ma anche sulla funzione essenziale svoltadalle varie chiese, missioni, religioni, nel preparare,prima, l’occupazione e nell’assicurare, poi, il controlloed il governo delle popolazioni.

Si può quindi dedurre che le più antiche popolazioni umane che abitarono l’Europa appartenessero probabilmente all’Homo erectus. 000 anni fa visse in Europa una specie umana più evoluta: quella dell’Homo neanderthalensis. Durante il Paleolitico superiore contemporaneamente all’Homo neanderthalensis giunse anche l’Homo sapiens, che popolò l’Europa circa 40. Egli praticava la caccia ed esprimeva le sue capacità artistiche. Con il Neolitico, ovvero a partire da circa 11. 000 anni fa, l’uomo europeo impara ad addomesticare gli animali, a coltivare i cereali, a praticare l’artigianato anche a scopo di scambio e a navigare i mari. Nascono così i primi nuclei abitativi stanziali e gli europei impararono a lavorare i metalli dagli uomini del vicino Oriente.

Lo stesso argomento in dettaglio: storia antica. Lo stesso argomento in dettaglio: Celti. I Celti toccarono il loro apogeo tra la seconda metà del IV e la prima metà del III secolo a. Lo stesso argomento in dettaglio: antica Grecia. Le testimonianze più antiche della presenza umana nei Balcani, datate 270. Grotte di Petralona, nella provincia greca settentrionale di Macedonia. Alla fine dell’età del bronzo dai regni precedentemente esistenti nasce la civiltà greca.

Impero Persiano controllava un territorio che andava dall’attuale Grecia settentrionale e Turchia fino all’Iran e rappresentava una minaccia per le città-stato greche. Lega di Corinto e nel 334 a. Impero Persiano con le forze combinate di tutti gli stati greci. Prima della sua improvvisa morte nel 323 a. Alessandro Magno stava pianificando un’invasione dell’Arabia. La sua morte causò il collasso del vasto impero, che si divise in diversi regni, tra cui i più importanti erano l’Impero seleucide e l’Egitto tolemaico.

Lo stesso argomento in dettaglio: storia romana. Con Roma viene portata a termine per la prima volta nella storia, fra il III e il I secolo a. Italia, dell’Europa occidentale e meridionale e infine dell’intero bacino del Mediterraneo. Fondata secondo la tradizione da Romolo il 21 aprile 753 a. Espulso dalla città l’ultimo re etrusco e instaurata una repubblica aristocratica nel 509 a. Nella seconda metà del II secolo e nel I secolo a. Gradualmente il Principato lascia il posto all’Impero, che conobbe la sua massima espansione nel II secolo, sotto l’imperatore Traiano, Roma si confermò caput mundi, cioè capitale del mondo, espressione che le era stata attribuita già nel periodo repubblicano.

Il mondo romano conosce il proprio apogeo, sia economico che sociale, nel II secolo. Lo stesso argomento in dettaglio: tarda antichità. Il secolo successivo invece, è per Roma un’epoca di crisi, determinata in gran parte da una serie di guerre civili. Roma era grave: i barbari premevano dai confini già da decenni, le province erano governate da uomini corrotti. Nel IV secolo si assiste persino a un notevole risveglio culturale che si protrae fino ai primi decenni del V, durante le prime invasioni barbariche.

Lo stesso argomento in dettaglio: Medioevo. Lo stesso argomento in dettaglio: Alto Medioevo. A seguito della penetrazione dei popoli germanici nelle regioni occidentali dell’impero si formarono delle unità politiche particolari che contribuirono alla definitiva divisione dell’Europa ed all’incontro tra la civiltà classica, mediterranea, ed il mondo nordico e germanico. Nel frattempo, l’Europa dell’ex Impero romano d’Occidente continua la sua involuzione fino a suddividersi in piccole realtà locali con un’economia basata sull’agricoltura e sulla selvicoltura. Il collasso dell’impero carolingio fu accompagnato dalle cosiddette “seconde invasioni”, con gruppi non numerosi ma molto agguerriti e affamati di preda, provenienti sia da est ma anche, e questa fu una novità nel panorama europeo, da sud e da nord. Lo stesso argomento in dettaglio: Pieno Medioevo, rinascita dell’anno Mille ed Europa nel XIII secolo. Nel corso del X secolo il mondo euro-mediterraneo uscì dalla lunga crisi climatica, demografica e sociale che persisteva almeno dal V secolo, ridando vita ai centri urbani.

Il Pieno Medioevo fu un periodo di grandi movimenti religiosi. XI secolo avevano già manifestato l’esigenza di ritornare alla povertà della Chiesa primitiva. Il progresso nella società si accompagnò anche a un rinnovamento artistico e a un rinnovato slancio architettonico verso edifici di grandi dimensioni, soprattutto edifici religiosi: era infatti dall’epoca romana che in Europa occidentale non si costruivano opere monumentali su larga scala e diffusamente. Lo stesso argomento in dettaglio: Tardo Medioevo ed Europa nei secoli XIV e XV. Dopo un periodo di crescita economica e demografica, intorno al 1300, anche a causa di un raffreddamento del clima, inizia un periodo di crisi caratterizzato da carestie, guerre ed epidemie che si sostengono a vicenda, in un circolo vizioso.

Intorno allo spartiacque del XV secolo, la popolazione rimasta conoscerà un nuovo ciclo di più diffuso benessere: manodopera più scarsa, quindi salari più alti o messa a pascolo delle terre agricole, attività meno vorace di manodopera. Il XV secolo è attraversato anche da importanti cambiamenti culturali: l’ottimismo, la fiducia nell’uomo e nelle sue possibilità, il principio della “virtù” umana contrapposta alla “fortuna” sono manifestazioni filosofiche e letterarie di un periodo noto col nome di Umanesimo. La scoperta dell’America da parte della spedizione guidata da Cristoforo Colombo nel 1492. Lo stesso argomento in dettaglio: storia moderna. Diffusione del Protestantesimo: equilibri religiosi in Europa alla fine del XVI secolo. Alla fine del XV secolo la Chiesa cattolica viveva una profonda crisi morale, spirituale e di immagine. A livello del Papato e dell’Alto Clero questa crisi si manifestava con l’assunzione di pratiche e comportamenti che niente avevano a che vedere con la fede.