Ceramiche a Capodanno PDF

Javascript non è abilitato su questo browser. Per utilizzare al meglio tutte le funzioni del sito ti consigliamo di abilitare javascript oppure di visitare il sito con un altro browser. Asia nella quale fa molto caldo e ceramiche a Capodanno PDF piove quasi mai.


Författare: Rita Angelelli.

Il nome Mesopotamia, infatti, significa “Terra fra due fiumi”. Il territorio in cui essi decisero di vivere era occupato da paludi, cioè da terreno fangoso e umido. I Sumeri lo bonificarono, cioè lo resero asciutto e coltivabile. Per fare ciò essi osservarono i fiumi: in alcuni periodi dell’inverno e della primavera l’acqua era molto abbondante, perciò straripava, cioè inondava, allagava, i terreni vicini e distruggeva i raccolti.

Fermano l’acqua di un fiume e la fanno andare in un lago artificiale, costruito dall’uomo. L’acqua raccolta è utilizzata in estate, quando ce n’è poca nei fiumi. I buoi trainavano, cioè tiravano, l’aratro. I Sumeri erano anche cacciatori e pescatori. In Mesopotamia però non c’erano i metalli, le pietre o il legname, cioè le materie prime necessarie per il lavoro degli artigiani. I Sumeri costruivano le città vicino ai fiumi e ai canali.

Intorno alle città c’erano le mura per proteggere gli abitanti dai nemici o dall’acqua dei fiumi quando straripavano. Ogni città aveva un suo capo e le sue leggi, come uno stato. Il tempio era molto grande e si vedeva da lontano. Le abitazioni delle persone povere avevano una o due stanze.

Le case delle famiglie ricche erano a due piani e avevano più stanze. Avevano poche finestre, che non si affacciavano verso la strada. I mobili erano: il letto, le sedie, gli sgabelli, le cassepanche e le ceste per conservare la biancheria di casa, gli abiti, i gioielli. Come abbiamo detto, ogni città sumera era uno Stato. Inizialmente era governata da un sacerdote. In seguito, fu governata da un re.

Il re prendeva le decisioni per tutti i suoi sudditi, dettava le leggi. Se i sudditi non obbedivano alle leggi, decideva le punizioni. Per i suoi sudditi rappresentava gli dei in terra. Gli altri sudditi erano: i commercianti, gli artigiani, i contadini, gli allevatori. Infine vi erano gli schiavi, uomini e donne che erano diventati prigionieri in guerra o che non potevano pagare i debiti.

All’inizio usavano la ruota per fare i vasi più velocemente. Poi costruirono anche i carri con le ruote. Perciò le persone e le merci potevano viaggiare con grande facilità! I Sumeri all’inizio facevano dei segni sulle tavolette di argilla. L’argilla si può segnare facilmente, perché non è troppo dura. Le tavolette di argilla erano per i Sumeri come un blocco di appunti per te. Sumeri hanno avuto bisogno di inventare un altro modo e altri segni per indicare le idee.

Al tempo dei Sumeri era molto difficile imparare a scrivere perché c’erano 600 ideogrammi diversi! La persona che voleva imparare a scrivere doveva andare a scuola per molti anni e alla fine diventava scriba. Le divinità più importanti erano: Anu dio del cielo, Enlil dio dell’aria, Inanna dea della terra ed Enki dio dell’acqua. Cielo, aria, terra, acqua sono i quattro elementi della natura. Ogni città aveva un suo dio protettore e la città apparteneva a quel dio.

Nel tempio il popolo andava a pregare gli dei. Nell’antica Mesopotamia se la divinità del tempio era maschile, il sommo sacerdote, cioè il sacerdote più importante, era una donna, mentre se la divinità era femminile, il sommo sacerdote era un uomo. Puoi svolgere un’attività divertente per conoscere i Sumeri nel Portale dei bambini . Ricordi che alcune voci del verbo avere in italiano devono essere scritte con la lettera “H” davanti?