Cit. PDF

You’ll receive your first NRDC cit. PDF alert and update email soon. When you sign up you’ll become a member of NRDC’s Activist Network.


Författare: Pierz.

Pierz nasce sul web con la pagina facebook “Ravioli Uèstern”, che oggi conta 30.000 accanitissimi fan, e che ogni settimana aumenta di altri 1.000. I suoi post sono irriverenti e divertenti. Si posiziona come l’autore di punta dell’anticlericalismo. Schierato contro la religione e tutto ciò che dal suo punto di vista è “mitizzazione”, Pierz non è mai volgare e le sue vignette vanno dalla battuta più semplice al più pronfondo spunto di riflessione. Ogni volta che posta una vignetta riceve migliaia di “Mi Piace”, con punti di oltre 3.000 condivisioni. Il titolo del suo ultimo fumetto, “CIT.”, si riferisce all’abbreviazione di “citazione”, strumento piuttosto abusato nell’era di internet, dei social network e dei forum online, che Pierz usa in modo spesso irriverente, ai limiti del nonsense. Un caleidoscopio di citazioni, da SuperMario a IronMan, dai Cavalieri dello Zodiaco a Dragon Ball… un piatto ricco per il suo seguito nerd. Questo volume è una straordinaria cavalcata sulla groppa di tutti i cavalli di battaglia del giovane autore, un filo rosso che passa attraverso tutte le sue vignette di maggiore successo ed i suoi fumetti più famosi e condivisi dalla rete.

We will keep you informed with the latest alerts and progress reports. MIEJSKIE MURY OBRONNE Z XIV W. W linkach poniżej znajdą Państwo wykaz większości ważniejszych wydarzeń kulturalnych organizowanych w marcu w Radomiu, Orońsku oraz we Wsoli. Mamy nadzieję, że każdy znajdzie coś interesującego dla siebie. 00 na otwarcie wystawy malarstwa Elżbiety Białaszek – absolwentki Akademii Sztuk Pięknych w Warszawie. Wystawa jest przykładem malarstwa bardzo osobistego, osadzonego pomiędzy sztuką romantyczną, fantastyczną a ilustracją książkową. Wystawę można zwiedzać do 8 kwietnia.

00 na spacer literacki Wśród znajomych. Twórcy spektakli “Mayday 2” oraz “Szalone nożyczki” zapraszają na sztukę pt. To prawdziwa komediowa uczta pełna zwrotów akcji, barwnych postaci i świetnego humoru w czasie spędzonym w towarzystwie gwiazd! Klub Dobrego Filmu w Ośrodku Kultury i Sztuka “Resursa Obywatelska” zaprasza w środę 20 marca, godz. Skarby i tajemnice Piotrówki” w Muzeum im.

Jacka Malczewskiego w Radomiu zaprasza na wystawę “Skarby i tajemnice Piotrówki”. Wystawa obejmuje okres od pojawienia się Słowian w dolinie Mlecznej do czasów jagiellońskich, kiedy Stary Radom stał się zapleczem gospodarczym i osadniczym dla Nowego Radomia a także zamku królewskiego. Ekspozycja prezentowana będzie do 29 marca. Sentymentalna i jednocześnie pełna humoru historia rudowłosej, nieco osobliwej dziewczynki o wybujałej wyobraźni. Zakonników sprowadził do naszego miasta, wielokrotnie bywający na tutejszym zamku, król Kazimierz Jagiellończyk. Pierwotne, drewniane zabudowania z czasem zostały zastąpione późniejszymi, późnogotyckimi, które możemy podziwiać do dnia dzisiejszego. Miejski Ośrodek Sportu i Rekreacji w Radomiu sp.

2014 Centrum Informacji Turystycznej w Radomiu przy Miejskim Ośrodku Sportu i Rekreacji w Radomiu Sp. Disapprovo quello che dite, ma difenderò fino alla morte il vostro diritto di dirlo. Tolleranza è un termine relativo alla capacità di sopportare, senza esserne danneggiati, qualcosa che di per sé potrebbe essere spiacevole o dannosa. La tolleranza illimitata porta alla scomparsa della tolleranza. Se estendiamo l’illimitata tolleranza anche a coloro che sono intolleranti, se non siamo disposti a difendere una società tollerante contro gli attacchi degli intolleranti, allora i tolleranti saranno distrutti e la tolleranza con essi. Tuttavia la tolleranza esprime una funzione positiva nel senso che fa apparire una diversità di opinioni che dal confronto dialettico possono procurare una più ampia verità. Nel Medioevo Tommaso d’Aquino sosteneva che si potevano tollerare le differenze di culto fra cristiani, ebrei e musulmani, rifacendosi alla dottrina di Agostino d’Ippona che dichiarava che la fede è opera della Grazia divina e non può quindi essere imposta dagli uomini.

Nel XIII secolo, in Spagna risalta la figura del re Ferdinando III di Castiglia, detto il Santo, noto come il re delle tre religioni, per la convivenza tra cristiani, ebrei e musulmani, durante il suo regno. Dante Alighieri si dibatté sul problema della salvezza dei pagani tra l’affermazione che extra Ecclesia nulla salus e l’apologo, ripreso anche da Giovanni Boccaccio, della “fiaba delle tre anella”,. Si cominciò a dibattere sulla tolleranza nel XVI secolo in quegli Stati, come Francia, Inghilterra e Boemia, dove si verificarono cambiamenti religiosi dovuti anche all’indebolirsi di quel fattore unificatore che era stato il potere imperiale in difficoltà ora nel reprimere la diffusione di confessioni religiose, come ad esempio la Riforma, diverse dal cattolicesimo. La tolleranza dunque nasce nell’ambito religioso come la posizione di coloro che sostengono sia meglio astenersi dal perseguitare le nuove idee religiose che, se represse, potrebbero generare problemi maggiori. Essi hanno provocato ribellione, hanno rapinato e saccheggiato con grande scelleratezza conventi e castelli che non appartenevano loro, meritandosi così senza alcun dubbio la morte del corpo e dell’anima, perché banditi di strada e assassini.

Uccidere un uomo non è difendere una dottrina, è uccidere un uomo. Quando i ginevrini hanno ucciso Serveto non hanno difeso una dottrina, hanno ucciso un uomo. Non spetta al magistrato difendere una dottrina. Che ha in comune la spada con la dottrina? Se Serveto avesse voluto uccidere Calvino, il magistrato avrebbe fatto bene a difendere Calvino. Si sbaglierebbe se si cercasse di definire l’idea di tolleranza alla luce esclusiva della ragione: anzi, essa è sostanziata di elementi desunti dall’esperienza, secondo un connotato tipico del pensiero scientifico occidentale moderno che non si appaga di definizioni teoriche ma ne esige la verifica di laboratorio. Le devastazioni delle guerre di religione fecero maturare la mutua inter christianos tolerantia attraverso una serie di tregue che non portarono alla reciproca tolleranza ma che facevano sperare in una definitiva pace religiosa.