Diavoli di Terza Categoria PDF

Il campionato italiano di hockey su ghiaccio è l’insieme dei tornei nazionali organizzati dalla Federazione italiana sport del ghiaccio. L’hockey su ghiaccio approda per la prima volta in Italia a Diavoli di Terza Categoria PDF. Gli anni venti vedono il dominio dell’unica vera squadra ben organizzata, l’Hockey Club Milano. Il fascismo colpirà anche l’hockey ghiaccio: in tempi di autarchia linguistica, ad alcune società viene imposto il cambio del nome.


Författare: Andrea Baldazzi.

La federazione – per promuovere l’hockey – decide di imporre la fusione delle due compagini milanesi: è il 1937 quando nasce l’Associazione Milanese Disco Ghiaccio Milano, che vincerà facilmente i due campionati disputati prima dell’inizio della guerra. Subito dopo la guerra l’hockey aveva lasciato la FISI per far nascere la Federazione Italiana Hockey Ghiaccio, che già nel 1952 viene però sostituita dalla FISG. Complici anche le Olimpiadi invernali, il nuovo dominatore è la Sportivi Ghiaccio Cortina, che tra la fine degli anni cinquanta e la metà dei settanta lascia agli avversari solo le briciole: 14 scudetti in 19 stagioni. A cavallo fra gli anni ottanta e novanta si rifà viva la scuola lombarda, dapprima coi due titoli dei Mastini Varese poi soprattutto con il ritorno di due squadre milanesi al vertice. Molte protagoniste degli anni novanta scompaiono nel periodo di crisi successivo, e molte altre si ridimensionano.

Nel campionato 1996-97 alla Serie A risultano iscritte soltanto due squadre: tutte le altre formazioni si autoretrocedono in A2. Il campionato 2004-2005 viene impreziosito dalla presenza temporanea di alcuni giocatori NHL dopo il lock-out di tale stagione. Il 16 novembre 2006 nasce la Lega Italiana Hockey Ghiaccio, che – sul modello di quella calcistica – riunisce le squadre di Serie A e di Serie A2. La stagione 2007-08 vede il ritorno alla gloria del Bolzano, che vince il tricolore dopo 8 anni dall’ultima affermazione.

I festeggiamenti al Pala Hodegart di Asiago per la conquista del secondo titolo tricolore dell’HC Asiago, il 15 aprile del 2010. La stagione 2013-14 ha visto una nuova riforma dei campionati: la serie A viene ora denominata Elite. Dopo un solo anno dalla nuova riforma dei campionati, nella primavera del 2014, a seguito della nomina di presidente della FISG dell’asiaghese Andrea Gios, che subentra al bolzanino Giancarlo Bolognini, alla guida della Federazione da 17 anni, il campionato italiano conosce una nuova fase. Federazione austriaca, convinta di aver siglato un accordo della durata di 3 anni con tali società. Lo stesso argomento in dettaglio: Alps Hockey League. A seguito del perdurare delle difficoltà del movimento, diverse squadre, già durante la stagione, chiedono tuttavia l’iscrizione, sulle orme del Bolzano, al massimo campionato austriaco, la EBEL. Serie A1 e, solo durante la stagione 2013-14, Elite.

Con la riforma del 2013, la Serie A cambiò nome, come detto, in Elite. Dalla stagione 2011-12 venne deciso di assegnare inoltre, alla squadra vincitrice della regular season, la coppa di Lega. Infine la federazione riconosce anche alcune leghe amatoriali organizzate in provincia di Bolzano, laddove è maggiormente concentrato il movimento hockeystico nazionale. Una parziale copertura TV della Serie A è stata offerta sui canali Rai Sport, grazie all’accordo che prevedeva la trasmissione in diretta di una partita ogni giovedì della Serie A. In seguito, dopo la nascita della AHL, l’Asiago Hockey decise di trasmettere gratuitamente in streaming tutte le proprie partire nel primo anno, solamente le trasferte a partire dal secondo.