Eretici italiani del Cinquecento PDF

La neutralità di eretici italiani del Cinquecento PDF voce o sezione sull’argomento cristianesimo è stata messa in dubbio. Questa voce o sezione sull’argomento cristianesimo non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti.


Författare: Delio Cantimori.

Riunisce ‘Eretici italiani del Cinquecento. Ricerche storiche’, ‘Prospettivadi storia ereticale del Cinquecento’ e altri testi editi in Italia epubblicati in edizione inglese e francese.

Eresia è un termine storico religioso e teologico che indica una dottrina considerata come deviante da un movimento religioso appartenente alla stessa tradizione. Il termine, fuori dall’ambito religioso, viene utilizzato in senso figurato per indicare un’opinione o una dottrina filosofica, politica, scientifica o persino artistica in disaccordo con quelle generalmente accettate come autorevoli. 5:17, in origine dunque eretico, era colui che sceglieva, colui che era in grado di valutare più opzioni prima di, cfr. Con le Lettere del Nuovo Testamento tale neutralità del termine viene meno: in 1 Corinzi 11:19, Galati 5:20, 2 Pietro 2:1, haìresis inizia ad assumere dei connotati dispregiativi e ad indicare la “separazione”, la “divisione” e la rispettiva condanna.

In ambito ebraico si evidenzia un processo analogo: sempre nel I secolo d. Il termine da un significato neutro assume in un secondo momento un valore negativo e passa ad indicare una dottrina o un’affermazione contraria ai dogmi e ai princìpi di una determinata religione, sovente oggetto di “condanna” o scomunica da parte dei rappresentanti della stessa. Eretico è dunque chi proclama con forza una propria scelta definitiva: “eresia” può pertanto equivalere ad una scelta sia di credo sia di appartenenza tra fazioni religiose contrapposte. Un’altra possibile interpretazione, legata al significato di “scelta”, richiama il fatto che l’eretico è colui che “sceglie”, cioè accetta, solo una parte della dottrina “ortodossa”, rimanendo in disaccordo su altre parti. In origine il termine, utilizzato da scrittori ellenistici, indicava una fazione o una setta religiosa, senza connotazioni negative. Ovviamente, nell’accezione negativa, il termine eresia può essere visto come reciproco: pochi sarebbero disposti a definire le proprie credenze come eretiche, ma piuttosto a presentarle come l’interpretazione corretta di una determinata dottrina, e quindi come la visione ortodossa giudicata eretica da altri. Il testo selezionato deve essere comprovato da una fonte affidabile.

Varie opere dell’apologeta e scrittore cristiano Tertulliano sono dirette contro gli eretici e le rispettive eresie: Marcione, Valentino, Prassea. Il Padre della Chiesa Agostino d’Ippona rivolse la sua polemica principalmente contro i manichei, i donatisti e i pelagiani. I moti di contestazione nei confronti della Chiesa, divampati nella prima metà del XII secolo, come quello dei patarini e quello degli arnaldisti, avevano dato l’indicazione della necessità di una riforma religiosa. Nel XIII secolo Tommaso d’Aquino nella Summa Theologiae definirà l’eresia una forma d’infedeltà che corrompe la dottrina e porta turbamento nelle anime dei fedeli. Vengono inoltre fatte, nell’ambito del cattolicesimo, alcune distinzioni fra i diversi gradi dell’eresia.

Breve storia dei catari in Occidente, Palomar, Bari 2009. Barbara Garofani, Le eresie medievali, Roma, Carocci, 2008. Alain Le Boulluec, La notion d’hérésie dans la littérature grecque, IIe-IIIe siècles, Vol. 1: De Justin à Irénée, Vol. 2: Clément d’Alexandrie et Origène, Parigi, Etudes Augustiniennes, 1985.

Dai roghi di Colonia all’eccidio di Montségur, Besa, Nardò 2011. René Nelli, La vie quotidienne des Cathares du Languedoc au XIII siècle, Paris, Hachette, 1969. Mauro Orletti, Piccola storia delle eresie, Quodlibet, 2014. Gruppi, movimenti e fazioni del giudaismo antico e del cristianesimo da Filone Alessandrino a Egesippo, Bologna, EDB, 2008. Giancaro Rinaldi, le fonti per lo studio delle eresie cristiane antiche, Trapani, Il Pozzo di Giacobbe, 2015. Royalty, The Origin of Heresy: A History of Discourse in Second Temple Judaism and Early Christianity, New York, Routledge, 2013.

Manlio Simonetti, Ortodossia ed eresia tra I e II secolo, Messina, Rubettino, 1994. Smith, Guilt by Association: Heresy Catalogues in Early Christianity, New York, Oxford University Press, 2015. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 27 nov 2018 alle 12:12. Vedi le condizioni d’uso per i dettagli. Di padre di origine spagnola, è nato e cresciuto a Roma dove vive tuttora. Cinque e Seicento, in particolare di santi, eretici e inquisitori, e di storia degli anni Settanta del Novecento.