Fotografia e inconscio tecnologico PDF

Jump to navigation Jump to search La locuzione mezzo di comunicazione di massa fu coniata insieme all’espressione comunicazione di massa nella prima metà del XX secolo in ambito anglosassone. Fotografia e inconscio tecnologico PDF media hanno cambiato le abitudini quotidiane di un numero sempre maggiore di persone. Malgrado la diffusione della stampa dal XV-XVI secolo in poi, tra i più la diffusione dei media di massa si fa risalire al XX secolo.


Författare: Franco Vaccari.

Fotografia e inconscio tecnologico

La spinta della tecnologia consentì la riproduzione in gran quantità di materiali informativi a basso costo. Le tecnologie di riproduzione fisica, come la stampa, l’incisione di dischi musicali e la riproduzione di pellicole cinematografiche consentirono la riproduzione di libri, giornali e film a basso prezzo per un ampio pubblico. Per la prima volta la televisione e la radio consentirono la riproduzione elettronica di informazione. Il testo selezionato deve essere comprovato da una fonte affidabile. Questo rapido sviluppo di comunicazione istantanea e decentrata porterà probabilmente a cambiamenti significativi nella struttura dei media di massa e nel loro rapporto con la società. La concezione in base alla quale i media sono degli strumenti molto potenti e in grado di condizionare non solo le menti e i comportamenti degli individui, ma anche delle istituzioni, è ancora oggi molto diffusa nella coscienza comune. Nel secolo scorso, sono state avanzate numerose ricerche psico-sociali sull’influenza dei media.

Due sono stati i filoni di ricerca principali: la prima, detta degli effetti forti, che sosteneva la grande influenza persuasiva dei media. La seconda, detta degli effetti limitati, che era orientata invece a focalizzare l’attenzione più sull’influenza del messaggio che sulla potenza di persuasione dei media in sé. Il modello degli effetti forti fu elaborato dagli studiosi di psicologia sociale durante gli anni trenta e quaranta. Secondo questo modello, i media erano ritenuti capaci di produrre ogni effetto possibile sul loro pubblico considerato del tutto passivo.