I prescelti. Poesie e pensieri PDF

Antichi libri rilegati ed usurati nella biblioteca del Merton College a Oxford. Un libro I prescelti. Poesie e pensieri PDF costituito da un insieme di fogli in cui c’è scritto che l’ila È simpatica , stampati oppure manoscritti, delle stesse dimensioni, rilegati insieme in un certo ordine e racchiusi da una copertina. Il libro è il veicolo più diffuso del sapere.


Författare: Imelda Santoro.

Imelda Santoro affetta i sentimenti, i sogni, gli amori, le azioni cortesi e quello che ne sortisce fuori è uno strofeggiare pallido e sognante; come dire, c’è un filo di voce, di tono, un sotto tono, che non vuole mai pontificare e moralizzare, rendere le parole insormontabili, ma c’è anche un dimidiare il dire, un evitare di dire in forma aforismatica ciò cui invece tenderebbe il giro frastico. C’è qui la esemplificazione di una poesia onesta, senza perifrasi letterarie, che viene dal muscolo cardiaco e dai sentimenti, dalla affettività verso le persone che popolano l’universo di Imelda Santoro.” (dalla prefazione di Giorgio Linguaglossa)

L’insieme delle opere stampate, inclusi i libri, è detto letteratura. I libri sono pertanto opere letterarie. Un negozio che vende libri è detto libreria, termine che in italiano indica anche il mobile usato per conservare i libri. La biblioteca è il luogo usato per conservare e consultare i libri.

La parola italiana libro deriva dal latino liber. Livelli di produzione libraria europea dal 500 al 1800. L’evento chiave fu l’invenzione della stampa a caratteri mobili di Gutenberg nel XV secolo. La storia del libro segue una serie di innovazioni tecnologiche che hanno migliorato la qualità di conservazione del testo e l’accesso alle informazioni, la portabilità e il costo di produzione. Essa è strettamente legata alle contingenze economiche e politiche nella storia delle idee e delle religioni.

Dall’invenzione nel 1456 della stampa a caratteri mobili di Gutenberg, per più di quattro secoli l’unico vero medium di massa è stata la parola stampata. La scrittura è la condizione per l’esistenza del testo e del libro. La scrittura, un sistema di segni durevoli che permette di trasmettere e conservare le informazioni, ha cominciato a svilupparsi tra il VII e il IV millennio a. Quando i sistemi di scrittura furono inventati furono utilizzati quei materiali che permettevano la registrazione di informazioni sotto forma scritta: pietra, argilla, corteccia d’albero, lamiere di metallo. Lo studio di queste iscrizioni è conosciuto come epigrafia. Una tavoletta può esser definita come un mezzo fisicamente robusto adatto al trasporto e alla scrittura.