I semafori rossi non sono Dio. PDF

Please forward this error screen to ns120. Esami di Stato, insegnanti, I semafori rossi non sono Dio. PDF e magliette rosse. Partinico, piccolo centro in provincia di Palermo.


Författare: Lucio Palazzo.

Bravissimi i colleghi che indossano la maglietta rossa durante gli esami di maturità! Fb a margine delle foto – Siete davvero un bell’esempio di una scuola che ha il compito di educare e trasmettere grandi valori ed ideali. Liceo fanno sapere che il fatto contestato non riguarda alcuna commissione d’esame all’interno della scuola. In soccorso dei professori è arrivato il messaggio, pubblicato su Facebook, della preside dell’istituto coinvolto nella bufera politica. Siamo delusi rispetto ad una gogna mediatica nei confronti dei docenti del Liceo S. Savarino di Partinico che ho l’onore di dirigere – ha scritto Chiara Gibilaro – dei quali conosco l’alta professionalità e l’autentica tensione etica e con i quali in questi anni ho condiviso il Piano dell’offerta formativa”.

In molti, soprattutto tra i partiti, hanno puntato il dito contro i docenti “schierati” al fianco di una iniziativa che è stata letta in opposizione alle decisioni del ministro Salvini. Gibilaro – In tutte le istituzioni ci sono stati rappresentanti che hanno indossato la maglietta rossa solo per ricordare il colore di Aylan e del sangue. Non hanno espresso adesioni politiche, assolutamente. Il caso però è già arrivato in Parlamento. Il sottosegretario per i Beni e le attività Culturali e il turismo, Lucia Borgonzoni, ha denunciato questa “vergogna della scuola italiana”, definendo l’atto dei docenti “intimidatorio”.

Chiunque ha libertà di indossare ciò che vuole in democrazia – attacca la leghista – ma è grave che degli insegnanti in servizio utilizzino il proprio ruolo per fare propaganda. Voci di protesta si sono levate da tutto il centrodestra. Il deputato di Forza Italia, Galeazzo Bignami, ha presentato un’interrogazione parlamentare per stigmatizzare l’adesione dei docenti a “una iniziativa che, a parere di chi scrive, è volta solo a strumentalizzare in maniera ideologica le politiche varate dall’attuale Governo in tema di accoglienza”. State inculcando le vostre idee ai miei figli quando io a casa mia insegno loro esattemnet l’opposto. CHI VI AUTORIZZA A FAE CIO’? Se siete amici di saviano restate pure tale ma non obbigate i miei figli a certe amicizie a me non gradite! STANNO RITORNANDO GLI ANNI 60 DELLE “BRIGATE ROSSE”, L`ORGOGLIO DELLA DEMOCRAZZIA CRISTIANA!

Siete davvero un bell’esempio di una scuola che ha il compito di educare e trasmettere grandi valori ed ideali”. Per me invece siete l’esempio di gente stupida di mente che cerca un po di visibilità dopo l’oscuramento quasi totale delle ultime elezioni. Vi meritate il licenziamento in tronco. Pacciani se avesse indossato la maglietta rossa.

E’ veramente stupefacente che certa gente si ritenga eticamente superiore mentre spudoratamente incrementa lo schiavismo. A quando la maglietta bianca per coloro che dopo una vita di lavoro e aver pagato le tasse chiedono una “visita medica urgente” e devono aspettare mesi e mesi prima di essere accolti, per un servizio pagato in anticipo! Viva il pensiero unico, viva il finto buonismo! La Destra non ha ancora imparato a difendere i propri diritti, e si comporta come una timida vecchietta circondata da teppisti boccaloni. Si prenda coraggio, si ESCA DALLE CATACOMBE, invece di sussurrare, si PROCLAMI LA PROPRIA APPARTENENZA COSI` COME FANNO LE SINISTRE! Buffoni statali, posto garantito a vita, tessera falce e martello in tasca, vergognoso che siano così politicizzati, la destra dovrebbe scendere in piazza e manifestare contro questi esseri pagati dai contribuenti. Salvini, Di Maio stroncate questi parassiti, e il mondo dei veri lavoratori, quelli che di garantito non hanno nulla, ve ne saranno riconoscenti.

Mi chiedo come possa uno studente essere giudicato da dipendenti che soffrono di Disturbo Narcisistico di personalità . Un allievo che si presenta con la maglietta verde o azzurra o peggio NERA, Lo studente! Caro Gesù aiutami tu che non ne posso più! SONO I PRIMI AD ESSERE SCANSAFATICHE INEDUCATI PARASSITI NASCOSTI DA SEMPRE DIETRO IL PARTITO COMUNISTA- DIETRO I SINDACATI LORO STRETTI AMICI. Sono questi che insegnano ai ragazzi il comunismo facendole il lavaggio del cervello. Vanno ridimensionati il più presto possibile,per evitare ulteriori danni! Per molti di questi ragazzi, Dante è nato a Milano e D’Annunzio è stato un estetista.

Quindi indossare la maglietta rossa non ha alcun significato. Devono solo compiacere al professore, ultima speranza per la promozione. VERGOGNATEVI A SCUOLA NON SI PUO’ FARE POLITICA ADESSO,LO SI FACEVA QUANDO DA MOSCA TORNAVANO I VECCHI COMUNISTI DOPO L’INDOTTRINAMENTO. Questi non hanno capito che se Salvini ha esplicitamente condannato la faccenda delle magliette rosse ogni esibizione delle stesse diventa un atto di aperta ostilità verso il governo. Ma peggio del peggio pensano ancora di vivere nella seconda repubblica dei buonisti dove tutto era concesso. Lo sanno tutti che gli insegnanti fanno di tutto tranne che insegnare.

La loro occupazione preferita è indottrinare gli alunni alla politica del PD. Vergognose, che fate se qualche alunno non si adegua alle vostre idee? Lo bocciate, oppure gli abbassate il voto? La politica rimanga fuori dalle scuole. Compito dei docenti è insegnare la lingua italiana, la storia e le scienze naturali e matematiche non il pensiero unico degno di regime rosso o nero che sia. Dalla Sicilia alla Libia il passo è breve, imbarcateli su un gommone e mandateli ad accudire i loro amici in Africa.