I vizi di refrazione PDF

I testi riportati sono gratuiti I vizi di refrazione PDF non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l’unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa. Concorsi, per esami, per l’ammissione di complessivi duecentonovantacinque giovani ai licei annessi alle Scuole militari delle Forze armate, per l’anno scolastico 2018-2019. IL DIRETTORE GENERALE per il personale militare Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n.


Författare: Gianpaolo Paliaga.

La quarta edizione di questo volume si è resa necessaria allo scopo di effettuare un aggiornamento generale dell’opera con particolare riguardo sia ad alcuni concetti fondamentali, quali i fronti d’onda e leaberrazioni oculari, che alle più recenti tecniche di indagine delle caratteristiche refrattive del diottro oculare. Come nelle precedenti edizioni, la trattazione di questi temi è stata effettuata con modalità adeguate sia alla formazione culturale che alle esigenze pratiche degli oftalmologi. Lo scopo di questo volume continua, quindi, a essere quello di fornire un testo propedeutico destinato a consentire una corretta esecuzione della diagnosi e della misura dei vizi di refrazione e di facilitare una comprensione di letture più ardue e ostiche.

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 24 giugno 1998, n. 1996-2018 Tutti i diritti riservati – In. Il Centro resterà chiuso dal 7 al 22 agosto. Per effettuare una richiesta di prenotazione potete utilizzare il form su questo sito. L’incaricato risponderà alla riapertura del Centro. I numeri utili Per prenotare o chiedere informazioni. Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate.

I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze. I suddetti difetti possono essere normalmente corretti con l’uso di occhiali e lenti a contatto. Il valore del difetto deve essere misurato da un oculista, il quale prima dell’eventuale intervento chirurgico deve ottenere una serie di dati. Sebbene la capacità visiva migliori sempre, talvolta, nei casi più gravi, potrebbe permanere un piccolo residuo di vizio refrattivo, che spesso può essere corretto grazie a un secondo intervento di minore entità.

La correzione dei difetti refrattivi avviene tramite il rimodellamento della cornea, in modo da correggere il difetto di refrazione e migliorare la vista del paziente. Questi interventi sono generalmente poco invasivi ed effettuati in anestesia locale, con l’applicazione di collirio anestetico. Il medico utilizza costantemente un microscopio operatorio per osservare la cornea. Tecnica chirurgica inventata nel 1964 dal medico spagnolo José Ignacio Barraquer: prevede la rimozione, il congelamento, la modifica e il reinserimento del disco corneale nell’occhio del paziente. Il medico asporta prima manualmente la parte superficiale della cornea, detta epitelio, poi esegue l’ablazione con il laser.

Una volta finito applica una lente a contatto protettiva che sarà tolta durante i successivi controlli, quando l’epitelio si sarà riformato o quando il medico lo riterrà opportuno. Effetti collaterali nei primi giorni possono essere: fastidio, lacrimazione, senso di corpo estraneo e fotofobia. Altri effetti temporanei, ma più lenti a scomparire, possono essere: ipermetropia, nei miopi, dovuta all’eccessiva correzione, e opacizzazione dovuta alla cicatrizzazione. PRK, che però prevede il sollevamento dell’epitelio originale anziché la sua rimozione. La tecnica è stata introdotta dal dott. L’epitelio non viene scollato dallo stroma sottostante con una soluzione alcolica, ma meccanicamente con uno strumento separatore chiamato epicheratomo.