Il lato oscuro della storia PDF

Questa voce o sezione sull’argomento Guerre stellari è ritenuta da controllare. Questa voce o sezione sull’argomento Guerre stellari non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Questa voce o sezione su un’opera di fantasia tratta elementi di un mondo immaginario senza adeguati riferimenti al mondo reale. Il lato oscuro della storia PDF George Lucas nella vita reale c’è potenzialmente un lato chiaro e un lato oscuro in ogni persona, e nell’intero universo.


Författare: Daniel Pipes.

Spiegare la storia evocando un complotto è una tendenza antica. L’origine della teoria del complotto risale alla prima crociata, ma ha raggiunto il suo apice nella Germania nazista e in Unione Sovietica. Il libro di Daniel Pipes è una brillante analisi di un “modello” di interpretazione della storia che abbiamo visto riproporsi anche di recente, dopo i fatti dell’11 settembre.

Più alto è il livello di midichlorian, più potente scorre la Forza in quella persona. La presenza dei midichlorian può essere percepita in qualche modo da altri Jedi o dai rivali Sith. Anakin Skywalker aveva un livello di midichlorian superiore a 20. La Forza è dunque concepita come una specie di sensazione interiore, e chi l’ascolta è in grado di sentire quello che succede e lo rende capace di interagire, armonizzando se stesso con il fluire dell’universo. La Forza Vivente è alimentata dall’energia di esseri viventi ed è distinta dalla Forza Unificante.

Rende possibile il fenomeno dei Fantasmi di Forza. I sostenitori della Forza Vivente, come Qui-Gon Jinn, avevano una filosofia del tipo vivere al momento, concentrandosi sui propri istinti e sulle cose viventi, invece di guardare troppo lontano, come nella Forza Unificante. La Forza Unificante è quella che mantiene unita tutta la galassia attraverso la Forza Vivente. Yoda, parlando con lo spirito di Qui-Gon Jinn, apprende che questo aspetto della Forza permette loro di comunicare attraverso i midichlorian. Molti Jedi erano credenti nella teoria della Forza Unificante, dove si concentravano sul passato, presente, e futuro, vedendoli come una sola cosa.

Le visioni del futuro erano di particolare significato nella mentalità conservativa degli Jedi. Illuminati noi siamo non questa materia grezza! Il lato chiaro della Forza è concepito con ideali di bontà, benevolenza e salute. Un seguace della luce cerca di vivere in armonia con il mondo attorno a sé, usando saggezza e logica invece di rabbia e giudizi affrettati. Il gruppo maggiore di praticanti del lato chiaro sono i Jedi, che cercano di mantenere la pace e la giustizia nella Galassia.

I Jedi conoscono bene i pericoli del lato oscuro della Forza e ne scoraggiano l’uso, siccome rappresenta corruzione e disprezzo nei confronti dell’ordine dell’universo. La Forza gioca un ruolo importante nell’uso di una spada laser, dando una certa consapevolezza per evitare di ferirsi e di effettuare diverse mosse durante il combattimento, come per esempio deviare un colpo di blaster. Inoltre gioca un ruolo durante la costruzione dell’elsa della spada, in quanto le caratteristiche tecniche sono complicate. Rabbia, paura, violenza: sono loro il lato oscuro. Se anche una sola volta la strada buia tu prendi, per sempre dominerà esso il tuo destino.

Consumerà te come consumò l’apprendista di Obi-Wan. Il lato oscuro della Forza è la via per acquistare molte capacità, da alcuni ritenute ingiustamente non naturali. Nella religione dei Jedi il lato oscuro è la componente malvagia della Forza, utilizzata dai Sith e dai Jedi oscuri. Il lato oscuro della Forza è composto dalla rabbia e dall’odio causati dalla sofferenza. Un buon Jedi non dovrebbe mai essere sopraffatto dalla rabbia e quindi dovrebbe rimanere “puro” da non divenire un praticante del lato oscuro. Una definizione ci viene fornita dal maestro Yoda in Il ritorno dello Jedi: “Collera, paura, aggressività il lato oscuro essi sono.

La minaccia fantasma: “La paura è la via per il lato oscuro: la paura conduce all’ira, l’ira all’odio, l’odio conduce alla sofferenza. Il lato oscuro può essere studiato a patto di non dare eccessivamente peso ai propri sentimenti e a non farsi trasportare, poiché si verrebbe consumati da esso. I nomi “Ashla” e “Bogan” per i lati della Forza vengono nuovamente utilizzati nella serie animata Star Wars Rebels, nel primo episodio della terza stagione da Bendu. I Jedi usano questa frase perché non credono nella fortuna, né nelle coincidenze, bensì nel volere della Forza. La frase significa dunque: “che il volere della forza ti aiuti”.