Il mio cuore è un campanile PDF

Sito per la preparazione scolastica di esami, interrogazioni, tesine, temi, esami di maturità e recuperi scolastici. Un valido aiuto per studenti e per tutti gli appassionati di letteratura, filosofia il mio cuore è un campanile PDF arte. Ed erra l’armonia per questa valle. Sì ch’a mirarla intenerisce il core.


Författare: Manuela Bellodi.

Cara povera Emilia/ oggi ti piango da madre,/ e ti son figlia” è la dedica con cui Manuela Bellodi, emiliana di origine, ci anticipa il tema della presente raccolta. “Cara” è il primo aggettivo destinato alla sua Emilia: l’aggettivo degli affetti che ci fa presagire il rapporto di amore, il sentimento di familiarità riferito a coloro di cui ci prendiamo cura. Una regione dilaniata dal terremoto del 2012 che lecita il secondo avverbio “povera”, nel senso della compassione/cum passio rivolto a un corpo ferito, lacerato, alla capacità di patire insieme la sofferenza che procura le lacrime più amare, paragonate a quelle di una madre che assiste al dolore del figlio. Lenitive al male, le poesie sono carezze delicate; nel ritorno all’infanzia attraverso la memoria, si scoprono radici robuste che ancorano, nonostante il sisma: prodromi di gemmazioni e nuove fioriture, colme di quella linfa vitale che da sempre appartiene alla terra e alla gente d’Emilia.

Dell’anno e di tua vita il più bel fiore. Passo del viver mio la primavera. Festeggiar si costuma al nostro borgo. Che rimbomba lontan di villa in villa.

E mira ed è mirata, e in cor s’allegra. Che la beata gioventù vien meno. 36 e con l’a me del v. La lirica è imperniata sul parallelismo tra la vita del passero solitario e la vita del poeta. Tutta la poesia è incentrata su analogie, più o meno palesi, fra il passero solitario e la vita del poeta. La campagna diventa per entrambi il luogo del ritiro, dell’esclusione dalla vita festosa del paese nel clima primaverile. Anche se la situazione in cui si trovano è identica, andranno incontro ad un diverso destino: il passero arrivato alla fine della sua vita morirà senza rimpianti mentre al poeta rimarrà il rimpianto per ciò che non ha vissuto.