Il nazismo e l’Antichità PDF

Tutti questi presupposti, affermati e voluti, anche con la violenza, dal nazismo, comportavano necessariamente la morte della democrazia parlamentare liberale oltre che il nazismo e l’Antichità PDF movimento operaio organizzato. L’organizzazione sociale che Hitler voleva fondare e imporre non era egualitaria bensì fortemente gerarchica.


Författare: Johann Chapoutot.

Gli ebrei erano il male assoluto da estirpare per salvare la nazione tedesca e creare un nuovo ordine costruito sulla potenza, sulla purezza razziale e sulla necessità espandersi internazionalmente. La rinascita della Germania poteva attuarsi solo con la soppressione degli ebrei assieme ai liberali, ai marxisti e ai democratici. Gottfried Feder, mentore di Hitler, fu il primo ideatore della ideologia nazista con il suo Stato Tedesco ed i suoi fondamenti nazionali e sociali, in cui sosteneva la necessità, per la rinascita della Germania, della eliminazione degli ebrei, in quanto soggetti antinazionali, e l’esigenza di un nuovo ordine sociale basato sul corporativismo. Hitler riprese dalla teoria dell’eroe di Hegel e del superuomo di Nietzsche alcuni elementi che si confacevano con la propria visione della storia, e poneva la sua persona come creatrice di una nuova morale e di un nuovo percorso storico. Nel Mein Kampf, il vangelo del nazismo, Hitler ideò una società tipo militare, in cui solo la fede e l’obbedienza assolute nel Fuhrer del momento potevano portare alla rinascita nazionale. Secondo Hitler era una legge naturale che le masse obbedissero ai capi e che le razze inferiori fossero sottomesse a quelle superiori: la razza ariana dei tedeschi aveva il diritto-dovere al dominio.

Lo Stato hitleriano era lo strumento con cui creare una civiltà superiore e con cui raggiungere gli obiettivi fondamentali di liberare il popolo tedesco dalla piaga ebraica, che voleva la distruzione del paese, e di dare lo spazio vitale, Lebensraum, di cui la nazione tedesca, razza dominatrice, necessitava. A proposito dell’elaborazione ideologica e razzista scrive Georges Dumézil: “Già a metà degli anni venti il mondo degli studi si avviava a stabilire quel che oggi è chiaro: l’originalità unitaria indoeuropea, capace di esplicitare il mondo attraverso un’organizzazione sociale nettamente gerarchizzata. Gerhard Ritter, studioso del militarismo tedesco, vede nel nazismo una forma specificatamente tedesca di un fenomeno europeo. Come già si è detto nel precedente paragrafo l’occultismo e la magia svolsero una parte importante nello sviluppo dell’ideologia nazista. Giorgio Galli, Hitler e il nazismo magico, ed. Ritter, Le origini storiche del nazionalsocialismo, in Questioni di storia contemporanea, vol.

Della sterminata bibliografia sul nazismo si segnalano solo alcune opere particolarmente significative, la cui elencazione tuttavia non vuole essere, né è, esaustiva. Hannah Arendt, Le origini del totalitarismo. Charles Bettelheim, L’economia della Germania Nazista. Hildegard Brenner, La politica culturale del nazismo. Marina Cattaruzza, Storia della Shoah, la crisi dell’Europa, lo sterminio degli ebrei e la memoria del XX secolo.

Enzo Collotti, Nazismo e società tedesca, 1933-1945. Enzo Collotti, Arrigo Boldrini, Fascismo e antifascismo, rimozioni, revisioni, negazioni. Enzo Collotti, L’Europa nazista, il progetto di un Nuovo ordine europeo, 1939-1945. Enzo Collotti, Hitler e il nazismo. Nazismo: tra mito politico e modernità. Joachim Fest, Il volto del Terzo Reich.

Marcello Flores, Zygmunt Bauman, Nazismo, fascismo, comunismo. Andreas Hillgruber, Il duplice tramonto, la frantumazione del Reich tedesco e la fine dell’ebraismo europeo. Paul Johnson, Storia del mondo moderno. Claudia Koonz, Donne del Terzo Reich. Andrea Leonardi, Paolo Pombeni, L’età contemporanea. Juan José Linz, Totalitarian and Authoritarian Regimes. Mason, La politica sociale del Terzo Reich.

George Mosse, Le origini culturali del Terzo Reich. George Mosse, La Nazionalizzazione delle masse. William Shirer, Storia del Terzo Reich. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 1 mar 2019 alle 11:03. Vedi le condizioni d’uso per i dettagli. Note sul XXIX Grado del R. La Pietra Eraclea in Aion di C.