Il poeta, il ragazzo, la ragazza a Roma d’inverno nel 27 a.C. PDF

La pagina corrente il poeta, il ragazzo, la ragazza a Roma d’inverno nel 27 a.C. PDF i frame. Viene considerato uno dei maggiori intellettuali italiani del XX secolo.


Författare: Giorgio De Marchis.

I carmi privati di Orazio scelti Da Giorgio De Marchis.

Cesare Pavese nacque a Santo Stefano Belbo, un paesino delle Langhe sito nella provincia di Cuneo, presso il cascinale di San Sebastiano, dove la famiglia soleva trascorrere le estati, il 9 settembre del 1908. Malgrado l’agiatezza economica, l’infanzia di Pavese non fu felice: una sorella e due fratelli, nati prima di lui, erano morti prematuramente. La madre, di salute cagionevole, dovette affidarlo, appena nato, a una balia del vicino paese di Montecucco e poi, quando lo riprese con sé a Torino, a un’altra balia, Vittoria Scaglione. Cesare per una preistoria umana e letteraria che avrebbe accompagnato e segnato la vita dello scrittore.

Cesare Pavese, il primo a sinistra in seconda fila, studente del Liceo D’Azeglio di Torino, nel 1923. Torino nell’istituto privato “Trombetta” di via Garibaldi. Nel 1916 la madre, non riuscendo più a sostenere la gestione dei mezzadri e le spese, decise di vendere la cascina di San Sebastiano e andare a vivere con i figli in una villetta nella località collinare di Reaglie. Nell’ottobre 1923 Pavese si iscrisse al liceo D’Azeglio e scoprì, in particolare, l’opera di Alfieri. L’anno seguente fu scosso profondamente dalla tragica morte di un suo compagno di classe, Elico Baraldi, che si era tolto la vita con un colpo di rivoltella. Pavese ebbe la tentazione di emulare quel gesto, come testimonia la poesia inviata il 9 gennaio 1927 all’amico Sturani. Nel 1926, conseguita la maturità liceale, inviò alla rivista “Ricerca di poesia” alcune liriche, che furono però respinte.