La lettura della mano PDF

Palazzi Vaticani in Roma, accanto alla Basilica la lettura della mano PDF San Pietro. Sisto IV la fece costruire negli anni 1475-83, ampliando la preesistente Cappella trecentesca del Palazzo e pretendendo un’imponente decorazione. Le dimensioni della nuova Cappella sono imponenti: 40,93 m. Tutta l’architettura ha molti punti di fuga, non esistono rapporti di tipo proporzionale-prospettico.


Författare: Brandon-Jomes David.

La guida analizza la chirognomica, che si interessa dell’aspetto fisico della mano, e la chiromanzia, l’arte di divinare il passato, il presente e il futuro in base ai segni e alle linee della mano. Prende inoltre in considerazione la dermatoglifica che, dall’esame dei moduli della pelle, è in grado di prevenire e curare disturbi fisici e mentali.

Un’iconostasi marmorea, sormontata da otto candelabri, separa, alla maniera bizantina, il vasto presbiterio per il clero, in grado di raccogliere circa 200 persone sedute, dalla navata riservata ai laici. E’ il luogo dove ancora oggi si riuniscono i cardinali per eleggere il papa. Per le due pareti laterali furono chiamati i maggiori pittori del tempo: Botticelli, Perugino, Pinturicchio, Ghirlandaio, Signorelli, ma anche Andrea d’Assisi, Biagio di Antonio, Bartolomeo de la Gatta, Cosimo Rosselli, ognuno dei quali doveva dipingere due pontefici, una storia biblica e un finto tendaggio sottostante. Il progetto teorico delle decorazioni iconografiche venne sviluppato da insigni teologi vaticani, mettendo a confronto ebraismo e cristianesimo, non senza riferimenti a problematiche e personaggi contemporanei. La parete sud mostra le Storie di Cristo, databili al 1481-1482. Michelangelo a Roma nel 1505 per affidargli la realizzazione del proprio sepolcro, ma quando egli vi giunse, nel 1506, dopo aver trascorso otto mesi a Carrara per scegliere i marmi, il papa non volle concedergli nemmeno udienza, essendo preso da tutt’altre cose, di tipo politico e militare. Dopo aver riparato i danni, il pontefice s’era reso conto che la volta stellata andava completamente rifatta, e scelse come argomento una rappresentazione degli apostoli di Cristo, insieme ad alcuni ornamenti geometrici.

Gli ultimi affreschi infatti risentono di questa stanchezza. Il peccato originale non impedisce la salvezza, cui tutti tendono, ivi inclusi i profeti ebraici e le sibille pagane. Le differenze rispetto alla prima sono notevoli: Michelangelo appare demotivato, stanco, sembra voglia finire in fretta. La parte centrale del soffitto contiene nove riquadri alternati, tra grandi e piccoli, con scene tratte dalla Genesi. Veggenti hanno dimensioni maggiori delle altre figure per affermare un ordine nella lettura degli affreschi: dalle loro meditazioni scaturisce infatti la “visione” di tutte le altre storie. In mezzo ad ogni coppia di Ignudi vi sono dei medaglioni in finto bronzo, lumeggiato d’oro, istoriato, con scene bibliche di obbedienza o disobbedienza alla legge divina. Nelle vele e nelle lunette sono raffigurate le 40 generazioni degli antenati di Cristo.