La stoffa delle nazioni. Storie di bandiere PDF

Antichi libri rilegati ed usurati nella biblioteca del Merton College a Oxford. Un libro è costituito da un insieme di fogli, stampati oppure manoscritti, delle stesse la stoffa delle nazioni. Storie di bandiere PDF, rilegati insieme in un certo ordine e racchiusi da una copertina.


Författare: Bruno Cianci.

Da quando esiste la società umana esistono anche i simboli e le insegne. I Romani, così come altre civiltà del passato, utilizzavano in guerra simboli rigidi, mentre i primi fruitori delle bandiere di stoffa furono i cavalieri dell’Estremo Oriente. Nel corso del Medioevo le bandiere divennero di uso generale anche in Europa, specie ai tempi delle Crociate. Ulteriore impulso lo si ebbe dopo il primo viaggio attorno all’Africa di Vasco da Gama e la scoperta delle Americhe da parte di Colombo. Una volta aperte e consolidate le nuove vie di comunicazione, infatti, divenne necessario dotare le navi oceaniche di “credenziali” da esibire nei porti e negli ancoraggi più lontani e con i quali marcare i territori scoperti prima che lo facessero altri. L’ultimo stadio di sviluppo dei vessilli è rappresentato dalla comparsa dei drappi nazionali di tipo moderno, distintivi di uno Stato-nazione omogeneo sotto il profilo etnico, linguistico e culturale. La grande maggioranza delle bandiere oggi in uso ha visto la luce nel corso delle età moderna e contemporanea. Bruno Cianci tratta le più importanti bandiere della storia, raggruppandole in “grandi famiglie” a seconda della tipologia; ci spiega l’origine e la foggia, il significato dei colori e dei simboli; il tutto senza mai perdere di vista la loro funzione aggregatrice nel corso delle lotte per l’indipendenza degli stati, né il ruolo ricoperto in tempo di pace e in tempo di guerra, nei giorni di festa e nella vita di ogni giorno, da parte di questi drappi di stoffa dal valore intrinseco irrisorio e dal valore simbolico inestimabile.

Il libro è il veicolo più diffuso del sapere. L’insieme delle opere stampate, inclusi i libri, è detto letteratura. I libri sono pertanto opere letterarie. Un negozio che vende libri è detto libreria, termine che in italiano indica anche il mobile usato per conservare i libri. La biblioteca è il luogo usato per conservare e consultare i libri. La parola italiana libro deriva dal latino liber. Livelli di produzione libraria europea dal 500 al 1800.

L’evento chiave fu l’invenzione della stampa a caratteri mobili di Gutenberg nel XV secolo. La storia del libro segue una serie di innovazioni tecnologiche che hanno migliorato la qualità di conservazione del testo e l’accesso alle informazioni, la portabilità e il costo di produzione. Essa è strettamente legata alle contingenze economiche e politiche nella storia delle idee e delle religioni. Dall’invenzione nel 1456 della stampa a caratteri mobili di Gutenberg, per più di quattro secoli l’unico vero medium di massa è stata la parola stampata. La scrittura è la condizione per l’esistenza del testo e del libro.