La storia di uno è la storia di tutti PDF

L’ambiente naturale attorno a Ravenna era paragonabile a quello di Venezia e Chioggia. Allo stesso modo, l’insediamento di Ravenna era la storia di uno è la storia di tutti PDF dal mare.


Författare: Angela Lanza.

Interviste e storie di vita di migranti sbarcati a Lampedusa dal 2003 fino al grande naufragio del 3 ottobre 2013 dove persero la vita oltre 400 persone. L’esperienza della psichiatra Enza Malatino ci fa conoscere racconti di egiziani, tunisini, palestinesi, tutti diversi ma di eguale disperazione e dolore. Come il ragazzo che non saluta la madre prima di partire, unico lancinante ricordo di sei mesi di viaggio; un giovane palestinese che parla di libertà, di diritti, di morte e di annientamento; come i bambini che crescono senza infanzia e come la loro musica sia esclusivamente quella delle mitragliatrici. “Mi risposero che per loro la morte è compagna di vita, che uscendo per la strada rischiano di essere ammazzati più volte al giorno, rischiano di morire di fame e vedono così morire i loro figli, fratelli, padre e madre, che morire in mare o al loro paese non fa molta differenza. Almeno così – dissero – abbiamo un filo di speranza”. Il libro si conclude con la Carta di Lampedusa. Con un contributo di Fulvio Vassallo Paleologo e con una testimonianza di Enza Malatino.

A differenza della laguna veneta, l’ambiente attorno a Ravenna era costituito da una serie di piccole lagune. Ravenna fu fondata su un lembo di cordone litoraneo. Quando i romani vennero in contatto con Ravenna, la città era abitata da genti umbre. Però la ricerca archeologica ha supposto la presenza di genti etrusche in epoche anteriori. Il reperto più antico rinvenuto nel sito di Ravenna infatti è un bronzetto etrusco. L’insediamento preromano era probabilmente costituito da una serie di nuclei disposti su isolette sabbiose tra loro vicine, in corrispondenza dell’estuario di alcuni corsi d’acqua. Il villaggio fu risparmiato, nel IV secolo a.

Galli, i quali non si spinsero fino al litorale Adriatico. Lo stesso argomento in dettaglio: Ravenna romana e Civitas Classis. Lo stesso argomento in dettaglio: Classis Ravennatis e Praefectus classis Ravennatis. Ravenna entrò nella sfera d’influenza di Roma, non opponendosi all’avanzata del suo esercito nella campagna di conquista della Gallia Cisalpina.