Le dieci regole per dormire bene PDF

Questa voce o sezione ha problemi le dieci regole per dormire bene PDF struttura e di organizzazione delle informazioni. Motivo: A causa della rimozione di testo in violazione di copyright, alcune sezioni pure importanti, sono state cancellate. Andrebbe controllato se ciò che è rimasto è coerente o necessita di qualche argomentazione introduttiva, oltre che riscritto le sezioni rimosse.


Författare: Anthea Courtenay.

Le dieci regole del dormir bene, per sconfiggere i tanto diffusi problemi del sonno con rimedi naturali, come ad esempio l’assunzione di tisane.

Nella discussione puoi collaborare con altri utenti alla risistemazione. L’evoluzione del cavallo è cominciata dai 55 ai 45 milioni di anni fa e ha portato dal piccolo Hyracotherium con più dita, al grande animale odierno, a cui rimane un unico dito. L’essere umano ha iniziato ad addomesticare i cavalli più tardi rispetto ad altri animali, attorno al 5. Solitamente l’addomesticamento avviene dopo i tre anni di vita dell’animale.

La parola cavallo deriva dal tardo latino căballus, che indicava però principalmente il cavallo da fatica o castrato, invece in latino “cavallo” si dice ĕquus, da cui il nostro equitazione. Puledro: cavallo con meno di un anno di vita. Nell’ippica questi termini possono cambiare: ad esempio, nelle corse di purosangue inglesi che si svolgono nell’arcipelago britannico sono definiti “colt” e “filly” i cavalli con meno di cinque anni di vita, anziché quattro. Conformazione esterna e struttura del cavallo. Contorni solitamente ben definiti e abbastanza visibili. La striscia: lunga e stretta striscia bianca che parte dal ciuffo e va a finire un po’ sopra la bocca. La testa in più è protetta dalla cosiddetta criniera, un ammasso di capelli che servono a proteggere la testa e il muso del cavallo dagli agenti atmosferici e dal freddo.

Alla nascita il puledro è apparentemente privo di denti, ma già dopo la prima settimana di vita spuntano gli incisivi superiori, ai quali seguiranno gli altri. La dentatura da latte è composta da 24 denti: 6 incisivi superiori, 6 incisivi inferiori, 6 premolari superiori, 6 premolari inferiori. In entrambi i casi la dentatura è caratterizzata da uno spazio vuoto di nuda gengiva denominato barra, tra incisivi e premolari nella femmina o tra canini e premolari nel maschio. Fondamentale per una buona digestione, è la masticazione. In un cavallo infatti la capacità in litri dello stomaco è pari a 13-15 L mentre quella dell’intestino cieco è di 30-35 l. Essa è tipica dei cavalli islandesi. Bella faccia” è una macchia bianca che comprende tutto il muso e, spesso, uno o entrambi gli occhi che diventano azzurri.