Manuale della consulenza del lavoro PDF

Il lavoro interinale fu introdotto per la prima volta nella storia mondiale negli Stati Uniti d’America quando un imprenditore “prestò”, dietro compenso, la propria segretaria ad un altro imprenditore. Da qui iniziò la pratica di affittare lavoratori ad tempus verso compenso, che si espanse poi in tutto il mondo, compresa l’Europa. In Italia il mercato del lavoro, sino alla liberalizzazione degli anni novanta, era sottoposto al regime del manuale della consulenza del lavoro PDF di collocamento pubblico obbligatorio gestito da uffici pubblici. Tale regime era regolato dalla legge 29 aprile 1949, n.


Författare: Franco Meroni.

Tale posizione dominante venne considerata illegittima e anticoncorrenziale sanzionando l’Italia per aver creato delle limitazioni e delle storture nel mercato del lavoro, poiché si mostrava palesemente inadeguata e non in grado di soddisfare la domanda di lavoro, non consentendo ai privati di svolgere la medesima attività. Nel 1997 viene fondata a Marghera una seconda agenzia interinale, l’Umana S. Le agenzie per il lavoro operanti in Italia, disciplinate dalla legge Biagi, sono circa 80. Nel 2014 gli occupati tramite Agenzie mediamente per mese sono oltre 298. Italia con oltre 1 miliardo di euro annui. 1948 negli Stati Uniti d’America, la quale raggiunge un fatturato annuale su scala internazionale di 22 miliardi di dollari.

Per ottenere l’autorizzazione ad esercitare l’attività di intermediazione del lavoro è necessario avere un capitale sociale interamente versato di Euro 50 mila. Lo stesso argomento in dettaglio: Somministrazione di lavoro. Con l’introduzione del concetto di somministrazione di lavoro, che ha sostituito il lavoro interinale, l’azienda di lavoro interinale è diventata “agenzia per il lavoro”. Sia l’ex lavoro interinale che la somministrazione di lavoro consentono alle aziende di stipulare un contratto di fornitura di manodopera con agenzie specializzate, in grado di fornire in tempo reale, e solo per il periodo necessario, le professionalità richieste.

Il lavoratore dipende giuridicamente dalle aziende fornitrici, e da queste viene retribuito, ma funzionalmente presta il suo lavoro presso altre aziende che hanno bisogno di professionalità per periodi di tempo limitato. Mentre però il lavoro interinale poteva essere solo a tempo determinato, nel caso di somministrazione di lavoro l’assunzione dell’impresa fornitrice poteva, sino al 2007, essere sia a tempo determinato che a tempo indeterminato. Le assunzioni a tempo indeterminato riguardavano i profili professionali più richiesti dal mercato del lavoro ed in genere si trattava di figure lavorative storiche come ad esempio: meccanici, idraulici, personale amministrativo-contabile, informatici, venditori. La legge ha equiparato, quanto a trattamento retributivo, i prestatori di lavoro temporaneo ai dipendenti di pari livello impiegati presso l’impresa utilizzatrice, norma riportata anche nelle somministrazioni. Diversamente, una società sarebbe stata incentivata a non assumere dipendenti e rivolgersi ad un’agenzia interinale, per non correre un rischio d’impresa legato all’avere una manodopera come costo fisso non evitabile. Mediante lo staff leasing potrebbe ora cedere dei propri dipendenti ad una ad agenzia di lavoro, per non doverli pagare nei periodi di vuoto lavoro, o nei quali l’azienda ha esigenza di ridurre l’organico.

Sempre volto ad una stabilizzazione dei lavoratori interinali, era il divieto alle agenzie di opporsi alla loro assunzione presso un cliente, anche prima della scadenza del contratto che questo aveva in essere con la stessa agenzia. Un’impresa poteva rivolgersi ad un’agenzia interinale per un contratto pluriennale di appalto, per non dover assumere dei propri lavoratori a tempo indeterminato, dopo reiterati rinnovi di contratti a termine, prevedendo di non avere necessità di nuovo organico alla conclusione del progetto in essere. Il lavoro interinale era estendibile a tutti i settori privati e i tipi di mansioni. Per mansioni impiegatizie, o dirigenziali, non legate al lavoro manuale o meramente esecutivo, il mercato della consulenza avverte la concorrenza delle Agenzie per il Lavoro attraverso le loro divisioni dedicate per la Ricerca e Selezione. In caso di esternalizzazione, il lavoratore interinale aveva i medesimi diritti e tutele applicabili agli altri tipi di contratti. 1, vieta agli Stati membri di escludere il lavoro interinale dai rapporti di lavoro ai quali si applicano il diritto al mantenimento degli obblighi e delle condizioni di lavoro presso l’azienda cedente. La normativa italiana non obbliga, ad esempio, a seguito di una gara d’appalto, indetta da un ente pubblico o da un’impresa e vinta da diversa azienda, per dipendenti della stessa o gli interinali, a rinnovare i contratti di lavoro in essere, prima di fare nuove assunzioni.

La tematica non è regolata per via legislativa, ma demandata alla concertazione fra le parti sociali, durante i rinnovi dei CCNL nazionali di categoria. Corte di Giustizia Comunità europee, 11 dicembre 1997, Job Centre coop. Tomaso Greco, La crisi del lavoro. Nonostante si utilizzi ancora spesso il termine “interinale” questo è stato abolito molti anni fa e si dovrebbe utilizzare, soprattutto da parte dei mass media, quello di “somministrazione”. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 25 gen 2019 alle 22:37. Vedi le condizioni d’uso per i dettagli. Questa voce o sezione sull’argomento ministeri non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti.

Il Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali era il dicastero del Governo italiano, avente funzioni in ambito lavorativo, sanitario, previdenziale e sociale. Dal 13 dicembre 2009, data di entrata in vigore della legge 13 novembre 2009 n. La configurazione del Ministero era dovuta al D. 300, relativo alla riforma dell’organizzazione di governo, la cosiddetta Riforma Bassanini. E proprio nel 2008, con la caduta del Governo Prodi II e la vittoria del PDL il Governo Berlusconi IV istituì nuovamente il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, nella sua versione originale. Per dare coerenza alla stratificazione normativa che era intervenuta dal 1999 al 2008, con il Decreto legge 16 maggio 2008, n. Così come in altri dicasteri complessi, come ad esempio il Ministero dell’Economia e delle Finanze, o il Ministero dello Sviluppo Economico, particolare importanza assumevano i sottosegretari preposti, forniti di ampie deleghe.