Michelstaedter PDF

Willkommen auf der Homepage des LC Michelstaedter PDF. Michelstaedter nasce a Gorizia, ultimo di quattro figli, da un’agiata famiglia di origini ebraiche. Iscritto al severo Staatsgymnasium cittadino, fa propria la rigida Bildung asburgica. Con le traduzioni dal greco e dal latino il giovane Michelstaedter ha i primi approcci con la speculazione filosofica.


Författare: Raschini Maria Adelaide.

Scritti della pensatrice su uno tra i massimi pensatori del ‘900.

Il 17 ottobre 1910, dopo un diverbio con la madre, impugna la pistola lasciatagli da Enrico Mreule e si toglie la vita. Sul frontespizio della tesi aveva disegnato una “fiorentina”, una lampada ad olio, e aggiunto in greco: apesbésthen, io mi spensi. Amici e parenti pubblicarono le sue opere e raccolsero i suoi scritti, ora alla Biblioteca Civica di Gorizia. Nova Gorica, a poche centinaia di metri dal confine con l’Italia. Lo stesso argomento in dettaglio: La Persuasione e la Rettorica.

La breve vita di Michelstaedter scorre – come risulta dall’Epistolario – all’insegna di una volontà di vivere continuamente illuminata dal desiderio di un altrimenti e di un altrove metafisico che fa di lui, già in giovane età, un impulsivo, un irrequieto esploratore di linguaggi e di mezzi espressivi, capace di spaziare dalla pittura alla poesia passando per le ripide vette della filosofia. La costituzione della metafisica è per lui una storia di “rettorici” tradimenti, la vicenda di una verità dai grandi “persuasi” tanto proclamata agli uomini quanto da questi disattesa e inascoltata. Quanto io dico, scrive Michelstaedter ne La persuasione e la rettorica, è stato detto tante volte e con tale forza che pare impossibile che il mondo abbia ancor continuato ogni volta dopo che erano suonate quelle parole. Il solipsismo di Michelstaedter è perciò radicale: non ci sono vie, non ci sono cammini, c’è solo il viandante che nel deserto dell’esistenza è il primo e l’ultimo, crocefisso al legno della propria sufficienza e schiacciato dalla croce di falsi bisogni. La produzione poetica e quella pittorica di Michelstaedter possono essere considerate un prolungamento e un completamento di questo sentimento tragico e mistico.

E altri scritti sul senso dell’esistenza, a cura e con un saggio introduttivo di G. La persuasione e la rettorica, edizione critica, a cura di A. Campailla, Il segreto di Nadia B. Da articoli di cronaca americani dell’epoca, si apprende che il suicidio avvenne con un colpo di pistola alla tempia destra. La persuasione e la rettorica, p. Biografie e studi critici Acciani Antonia, Il maestro del deserto.

Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 74, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 2010. Giuseppe Auteri, Metafisica dell’inganno, Università degli Studi, Catania 2002. Giorgio Brianese, L’arco e il destino. Camerino, La persuasione e i simboli. Michelstaedter e Slataper, Liguori, Napoli 2005.

Sergio Campailla, Pensiero e poesia di Carlo Michelstaedter, Patron, Bologna 1973. Sergio Campailla, A ferri corti con la vita, Comune di Gorizia 1981. Sergio Campailla, Controcodice, Edizioni Scientifiche Italiane, pp. Les Cahiers d’Histoire de l’Art nº2, Parigi 2004. Valerio Cappozzo, Il percorso universitario di Carlo Michelstaedter dall’archivio dell’Istituto di Studi Superiori, in Aa. Carlo Michelstaedter e la cultura contemporanea, a cura di S.

Marco Cerruti, Carlo Michelstaedter, Mursia, 2. Marco Cerruti, Ricordi per Michelsaedter,, pp. Aldo Marroni, Carlo Michelstaedter e l’estetica del ‘farsi fiamma’, in Estetiche dell’eccesso. Filosofia, Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani, Roma, 2012.