Novantanove giorni PDF

Martin Luther King nasce ad Atlanta, in Georgia, Novantanove giorni PDF, il 15 gennaio 1929. Il padre, Martin Luther King senior, è un pastore della Chiesa battista, la mamma una maestra.


Författare: Carlo Pallavicino.

Fiorentino, procuratore di Rui Costa dal 1993, tifoso, giornalista, Carlo Pallavicino passa i primi novantanove giorni di neo-quarantenne a cercare la squadra con cui è nato. Ha impiegato quattro mesi per accettare che la Fiorentina non c’è più. E adesso racconta le esperienze proprie e di una città alle prese con la nuova squadra, un campionato misterioso, avversari sconosciuti e una grande finzione.

Martin è un bambino intelligente e sensibile e inizia presto a comprendere cosa significhi essere di colore in uno Stato del Sud, vedendo i bambini bianchi del quartiere che non parlano con lui e il padre cui viene impedito di entrare in un negozio di scarpe dall’ingresso principale, perché riservato alla sola “razza bianca”. Non comprende e non accetta il razzismo, quindi inizia a impegnarsi con passione negli studi, in scuole segregate, sognando di diventare avvocato, per essere di aiuto ai suoi fratelli di colore. Durante l’adolescenza, matura la vocazione religiosa e, dopo il liceo, si iscrive al seminario di Chester, in Pennsylvania, per poi divenire pastore battista. Nel 1953 sposa Coretta e vanno a vivere a Montgomery, in Alabama.

Martin Luther King inizia a predicare contro il razzismo, ispirandosi alla non violenza di Gandhi, e le sue prediche attirano un numero crescente di persone. Nel dicembre del 1955 l’operaia nera Rosa Parks sale su un autobus per tornare a casa. E’ stanca e cerca un posto per sedersi, ma essendo occupati tutti quelli riservati ai neri, si siede su uno di quelli riservati ai bianchi. Le viene imposto di alzarsi, e al suo rifiuto viene chiamata la polizia, che la arresta.

King convoca una riunione di tutti i suoi seguaci e lancia il boicottaggio dei mezzi pubblici finché non verrà tolta la spartizione dei sedili. L’iniziativa riscuote un enorme successo e per molti giorni le vetture risulteranno completamente vuote, segno che anche i bianchi hanno aderito alla protesta. Le autorità citano in tribunale King per aver danneggiato l’azienda dei trasporti pubblici, ma, quando sta per iniziare il processo, la Suprema Corte degli Stati Uniti d’America dichiara illegale la segregazione praticata negli autobus. La vittoria di King gli procura anche molto disprezzo razzista. Fanno esplodere una carica di dinamite davanti alla sua casa, lo aggrediscono, e lo arrestano una ventina di volte durante le manifestazioni per la pace. Nell’agosto del 1963, Martin Luther King guida un’enorme manifestazione interrazziale per il lavoro e per la libertà, a Washington, dove pronuncia il celebre discorso pacifista “I Have A Dream”. L’anno seguente gli viene assegnato il premio Nobel per la pace e il Papa Paolo VI lo riceve in Vaticano.

Il 4 aprile del 1968 è a Memphis per partecipare ad una marcia a favore degli spazzini della città, bianchi e neri, che sono in sciopero. Mentre è sulla veranda dell’albergo e s’intrattiene a parlare con i suoi collaboratori, dalla casa di fronte gli sparano alcuni colpi di fucile: Martin Luther King cade sulla ringhiera e muore dopo pochi minuti. Approfittando del panico e della confusione che seguono, l’assassino riesce ad allontanarsi indisturbato. Pochi giorni dopo, ad Atlanta, si svolgono i funerali di King, cui intervengono migliaia di persone. Il suo killer è arrestato a Londra circa due mesi più tardi. Si chiama James Earl Ray ed ha precedenti per rapina, alcolismo e spaccio di moneta falsa.

Al processo è condannato a novantanove anni di reclusione, ma, qualche anno dopo, riesce ad evadere. Lo catturano nuovamente e rivela che non era stato lui l’assassino di King, sostenendo di sapere chi è il vero colpevole, ma il nome non potrà mai farlo, perché viene accoltellato la notte seguente nella cella in cui è detenuto. I have a dream “Io ho un sogno . Io sogno che un giorno i ragazzi e le ragazze nere saranno in grado di unire le mani dei ragazzi e delle ragazze bianche come sorelle e fratelli. Ogni anno il terzo lunedì del mese di Gennaio le scuole, banche e uffici postali in tutta l’America chiudono perchè si celebra la nascita, la vita e il sogno del Dr. Ricordiamo anche qui le ingiustizie che il Dr.

E’ il momento di ricordare la sua lotta per la libertà, l’uguaglianza e la dignità di tutte le razze e popoli. Leggiamo le storie di Martin Luther King Jr. Rosa Parks e del Movimento Diritti Civili. Raccontatele ai  vostri bambini e ai vostri amici. Dobbiamo imparare a vivere insieme come fratelli o periremo insieme come stolti.