Punto critico PDF

Cómo la renta básica universal resuelve la inseguridad generalizada y la desigualdad radical. América primero o la fiesta de los banqueros? Un tipico diagramma di fase, con indicato il punto triplo all’intersezione dei tre campi punto critico PDF esistenza dello stato solido, liquido e gassoso.


Författare: Michael Crichton.

Un incidente aereo. Un atterraggio miracoloso. Inizia cosi un drammatico intrigo, ricco di sorprese e colpi di scena, che coinvolge le multinazionali dell’aeronautica, le compagnie di assicurazione e qualche giornalista senza scrupoli.

Nella tabella seguente sono indicati i valori dei punti tripli di alcune sostanze comuni. Dove non indicato diversamente, i valori sono stati misurati dal National Bureau of Standards. Chemical Process Equipment – Selection and Design. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 2 ago 2018 alle 16:17. Vedi le condizioni d’uso per i dettagli.

L’HACCP si basa sul monitoraggio dei “punti della lavorazione” degli alimenti in cui si prospetta un pericolo di contaminazione, sia di natura biologica che chimica o fisica. Prima dell’adozione del sistema HACCP, le verifiche venivano effettuate a valle del processo produttivo, con analisi della salubrità del prodotto finito, pronto per la vendita al consumatore, e spesso il prodotto era consumato prima dell’individuazione dell’irregolarità. HACCP per tutti gli operatori del settore alimentare. 2006 e attuato in Italia , con quale viene inoltre definitivamente abrogato il e vengono decretate le sanzioni per inadempienza. Principio 3 Definizione dei limiti critici: Stabilire i limiti critici che devono essere osservati per assicurare che ogni CCP sia sotto controllo. Importante ricordare che non sempre i limiti critici sono rappresentati da valori numerici: possono infatti corrispondere a quantità rilevabili sensorialmente, come la presenza o assenza di sporco visibili.

Principio 4 Definizione delle procedure di monitoraggio: Attuare una serie di osservazioni e misure per tenere sotto controllo e entro i limiti critici i CCP. La sua efficacia è data dalla sua tempestività, ovvero consentire il ritorno alle normali condizioni di sicurezza nel più breve tempo possibile. Principio 6 Definizione delle procedure di verifica: Stabilire procedure per la verifica che includano prove supplementari e procedure per confermare che il sistema HACCP stia funzionando efficacemente. Viene verificato sul campo se ciò che è stato visto e detto era anche previsto e scritto, e se questi funzionano o no. Permette di riconoscere l’effettiva adeguatezza delle misure adottate in riferimento allo stato dell’arte della situazione. La frequenza delle procedure di verifica deve essere indicata nel piano di autocontrollo, ed è influenzata dalle dimensioni dell’azienda, dal numero di dipendenti, dal tipo di prodotti trattati e dal numero di non conformità rilevate. Va ricordato che il sistema HACCP è un sistema dinamico che può venir cambiato e integrato.

Principio 7 Definizione delle procedure di registrazione: Predisporre documenti e registrazioni adeguati alla natura e alle dimensioni dell’impresa alimentare, al fine di dimostrare l’effettiva applicazione delle misure precedentemente esposte. Stabilire una documentazione riguardante tutte le procedure di registrazione appropriate a questi principi e loro applicazioni. La documentazione deve essere firmata dal responsabile del piano di autocontrollo. 2004, al Capitolo XII, richiama l’attenzione sulla necessaria consapevolezza del personale alimentarista, cioè di tutti gli addetti che operano all’interno delle Imprese del settore alimentare. Nel linguaggio comune, questa formazione viene identificata come “Corso HACCP” o, impropriamente “Certificazione HACCP”. 46 del 23 febbraio 2005 B.