Scelte progettuali e sicurezza nel cantiere edile PDF

Obiettivo del PSC è quello di descrivere le fasi operative che verranno svolte nel cantiere, individuare tutte le eventuali fasi critiche del processo di costruzione quindi prescrivere tutte le azioni atte a prevenire o ridurre i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori con particolare riferimento ai rischi derivanti da lavorazioni interferenti. 15 del Testo unico sulla scelte progettuali e sicurezza nel cantiere edile PDF sul lavoro. Il coordinatore per la progettazione indica nel PSC, ove la particolarità delle lavorazioni lo richieda, il tipo di procedure complementari e di dettaglio al PSC stesso e connesse alle scelte autonome dell’impresa esecutrice, da esplicitare nel POS.


Författare: Marco A. Bragadin.

Scelte progettuali e sicurezza nel cantiere edile tratta dei fondamentali aspetti tecnici inerenti la progettazione e organizzazione del cantiere in sicurezza. La vigente normativa sulla sicurezza in cantiere e nei luoghi di lavoro individua infatti un complesso di requisiti obbligatori per l’assetto produttivo del cantiere, che devono essere considerati sia nella fase progettuale che in quella esecutiva per l’organizzazione del cantiere in sicurezza. Nel testo sono descritti i requisiti inerenti il contesto operativo del cantiere edile, l’assetto del layout di cantiere, le postazioni di lavoro, gli elementi provvisionali e impiantistici del cantiere, gli scavi e le demolizioni. Particolare attenzione è posta agli aspetti applicativi ed operativi delle misure progettuali e organizzative.

Il PSC è corredato da tavole esplicative di progetto, relative agli aspetti della sicurezza, comprendenti almeno una planimetria e, ove la particolarità dell’opera lo richieda, un profilo altimetrico e una breve descrizione delle caratteristiche idrogeologiche del terreno o il rinvio a specifica relazione se già redatta. L’elenco indicativo e non esauriente degli elementi essenziali utili alla definizione dei contenuti del PSC di cui al punto 2. Contenuti minimi del PSC in riferimento all’area di cantiere, all’organizzazione del cantiere, alle lavorazioni. In riferimento all’area di cantiere, il PSC contiene l’analisi degli elementi essenziali di cui all’allegato XV. Per ogni elemento dell’analisi di cui ai punti 2.

Il coordinatore per la progettazione effettua l’analisi delle interferenze tra le lavorazioni, anche quando sono dovute alle lavorazioni di una stessa impresa esecutrice o alla presenza di lavoratori autonomi, e predispone il cronoprogramma dei lavori. Per le opere rientranti nel campo di applicazione del D. Durante i periodi di maggior rischio dovuto ad interferenze di lavoro, il coordinatore per l’esecuzione verifica periodicamente, previa consultazione della direzione dei lavori, delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi interessati, la compatibilità della relativa parte di PSC con l’andamento dei lavori, aggiornando il piano ed in particolare il cronoprogramma dei lavori, se necessario. Le misure di coordinamento relative all’uso comune di apprestamenti, attrezzature, infrastrutture, mezzi e servizi di protezione collettiva, sono definite analizzando il loro uso comune da parte di più imprese e lavoratori autonomi. Il coordinatore per l’esecuzione dei lavori integra il PSC con i nominativi delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi tenuti ad attivare quanto previsto al punto 2. 4 e, previa consultazione delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi interessati, indica la relativa cronologia di attuazione e le modalità di verifica. 90 commi 3, 4, 5 e Art.