Scrittori allo specchio. D’Annunzio e Pirandello PDF

Questa voce o sezione sull’argomento romanzi non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Il romanzo psicologico è un tipo di romanzo nato tra l’Ottocento il Novecento, nel clima di crisi e di tensione caratterizzò gli anni della letteratura: da una parte, una chiusura nella propria interiorità, dall’altra una scrittori allo specchio. D’Annunzio e Pirandello PDF esigenza di realismo. Davanti ai drammi della guerra, eratura come mezzo di autoanalisi e riflessione profonda su di sé.


Författare: Franco Zangrilli.

Questo saggio analizza il raffronto D’annunzio-Pirandello. Un raffronto serio e paziente, documentato con riferimenti e citazioni, colmando lacune, correggendo inesattezze, approfondendo argomenti appena sfiorati dalla critica predendente. Secondo quella critica comparata che sostiene che ci sono tanti modi di avvicinare scrittori anche più diversi, in essenza qusto vuol essere uno studio comparato che esamina i punti di comunicanza e di divergenza, di tutta una serie di motivi di contenuto e di forma, che analizza le influenze reciproche e che mette faccia a faccia due scittori di grande importanza nel panorama letterario del Novecento. Le divesità e le somiglianze che esistono tra questi due autori sono degni della loro distinta e profonda originalità. Se con la sua arte D’annunzio ha riportato la letteratura italiana nell’ambito culturale dell’Europa a cavllo tra i due secoli, Pirandello, specialmente con la sua drammaturgia, l’ha riportata nel panorama della cultura mondiale del secolo ventesimo e di quelle a vanire.

A dominare in questo genere vi è il mondo interiore dei personaggi, i loro processi psichici, le emozioni che derivano dal profondo, gli stati d’animo e le riflessioni consce o inconsce. Il racconto della vicenda non si basa più sul rispetto delle norme tradizionaliste: non c’è più un inizio quieto, seguito dall’inizio di una guerra, il susseguirsi di peripezie e, infine, una conclusione. I personaggi non hanno più un’identità precisa e per questo non sono capaci di esprimere coerentemente un punto di vista. All’eroe si contrappone l’antieroe, che possiede le ansie e i dubbi dell’uomo contemporaneo. Tipicamente in questi romanzi, appare un protagonista inetto, sconfitto, definito “fallito” dalla società soltanto perché non riesce a inserirsi in essa.

I temi scelti dagli autori coincidono con la loro visione del mondo. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 6 feb 2019 alle 10:45. Vedi le condizioni d’uso per i dettagli. Càvusu dagli abitanti di Girgenti, corruzione dialettale del genuino e antico vocabolo greco “Kaos”.