Semeiotica cinese PDF

Le pratiche descritte non sono accettate dalla medicina, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte semeiotica cinese PDF metodo scientifico o non le hanno superate. Potrebbero pertanto essere inefficaci o dannose per la salute.


Författare: Massimo Muccioli.

Questo secondo volume è dedicato alla semeiotica cinese, che si avvale di un percorso di approccio al paziente del tutto simile a quello in uso in Occidente fino a pochi decenni orsono (ispezione, auscultazione, interrogatorio e palpazione). Tuttavia, un’analisi più dettagliata dei procedimenti utilizzati in Cina, evidenzia come i principi che reggono queste indagini siano assai diversi da quelli da noi in uso. Il procedimento diagnostico cinese è differente e complementare a quello occidentale moderno che privilegia sofisticate indagini biochimiche, cellulari e strumentali. I due sistemi derivano da due medicine che sottolineano due aspetti diversi della stessa situazione; la biomedicina si concentra maggiormente sul “particolare”. La medicina tradizionale cinese focalizza il “contesto” in cui quel particolare si situa. Proprio questa diversità, assieme con le possibilità di integrazione tra i due metodi, giustifica l’importanza di questo volume e soprattutto il grande spazio iconografico dedicato in particolare ai due procedimenti più importanti della diagnostica cinese: l’ispezione della lingua e la palpazione del polso radiale.

Le informazioni hanno solo fine illustrativo. Questa voce o sezione sull’argomento medicina alternativa non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Il termine “naturopatia” fu coniato nel 1895 dallo statunitense John Scheel, medico a New York. Il significato odierno più accreditato della parola “naturopatia” è “sentiero della natura” per mantenere o ripristinare lo stato di benessere. Sul web circola da anni l’affermazione secondo cui nel 1902 Scheel autorizzò Lust, discepolo di padre Kneipp trasferitosi dalla Germania negli USA nel 1892, a utilizzare il termine “naturopatia” per descrivere la raccolta eclettica di dottrine sulla guarigione naturale. La naturopatia sostiene che è auspicabile prevenire la malattia mantenendo o ripristinando il presunto “equilibrio energetico” della persona. La naturopatia dichiara di non porsi come sostituto della medicina allopatica, ma come strumento complementare, in un’ottica secondo cui l’approccio alla malattia può comportare modalità di intervento differenti e che agiscono in sinergia.

La storia e la divulgazione della naturopatia varia da paese a paese. Friedrich Hoffmann afferma che la nostra conoscenza è limitata essendo fondata sui sensi e la malattia è il tentativo dell’anima per ristabilire l’ordine della vita nel modo più rapido e sicuro. Georg Ernst Stahl che parla dell’anima come principio supremo della vita. Errori nella pratica caratterizzano questo indirizzo, a cui resta però il grande merito di aver intravisto la verità di una concezione vitalista o dinamica. William Culler di Edimburgo evidenzia l’importanza del sistema nervoso, mentre il suo allievo J. Il XIX secolo vede il consolidamento della posizione della scienza medica, l’ordinamento degli studi e dell’esercizio professionale.

Le grandi correnti intellettuali, sociali e politiche influenzano molto la medicina, così come i progressi della fisica e della chimica. Jean Jacques Rousseau invece struttura con il suo pensiero le basi filosofiche della naturopatia: vita semplice e tranquilla a contatto con la natura. Thomson e Stanley Lief sono invece i due maggiori naturopati inglesi, sottolineano l’importanza del digiuno, della regolarità intestinale, dei bagni caldi e d’aria fresca, riposo a letto e succo d’arancia, anche per 72-93gg nella cura dell’artrite reumatoide e dell’anemia. Leon Chaitow è attualmente un rappresentante di queste tecniche. Koegler, Canada, nato in Sassonia 1898, è il modello di ispirazione della nuova generazione di studenti di naturopatia.