Stalingrado 1942 PDF

Russia di circa un milione di abitanti. Capoluogo dell’oblast’ omonima, si trova nella Russia europea lungo le rive del fiume Volga. L’stalingrado 1942 PDF Caricyn, ai tempi dell’impero zarista, residenza dello Zarevic, delfino della casa imperiale ed erede al trono. La città si estende per circa 70 km sul lato ovest del fiume Volga.


Författare: Peter Antill.

Battaglia tra le più importanti della Seconda guerra mondiale, Stalingrado rappresentò la prima grave sconfitta di Hitler sul fronte orientale e accelerò il corso degli eventi che portarono alla sua caduta finale. Dopo aver fornito una descrizione dettagliata delle forze contrapposte e analizzato le caratteristiche dei comandanti e il modo in cui essi influirono sullo sviluppo delle operazioni, l’autore si chiede perché i tedeschi si fecero distrarre dal loro obiettivo principale per concentrare enormi risorse umane e materiali su uno secondario. Le illustrazioni e le mappe presenti nel libro indicano i dettagli degli schieramenti e dei movimenti delle unità impegnate sul campo, nonché le difficoltà tattiche che portarono per quasi cinque mesi a una serie di violenti combattimenti edificio per edificio, casa per casa, in una città semidistrutta.

La bandiera della città di Volgograd è un rettangolo di tessuto rosso, con una medaglia al centro. Il colore rosso, colore molto rappresentato sulle bandiere russe, simboleggia il coraggio, lo spargimento di sangue in nome della patria, la forza, l’energia e la potenza. La città è stata teatro di furiosi combattimenti durante la Guerra civile russa. Le forze bolsceviche occuparono la città durante il 1918, ma furono poi attaccate da forze controrivoluzionarie al comando di Anton Ivanovič Denikin. Durante la seconda guerra mondiale, la città assunse un’estrema importanza durante la battaglia di Stalingrado, che divenne il punto di svolta cruciale della guerra contro la Germania nazista e i suoi alleati.

La battaglia durò dal 17 luglio 1942 al 2 febbraio 1943. La città venne ridotta in macerie durante la feroce lotta, il combattimento spesso avvenne quartiere per quartiere e casa per casa. La ricostruzione della città iniziò poco dopo la vittoria sovietica. Il 31 gennaio 2013, l’autorità di Volgograd con voto unanime favorevole, ha approvato il ritorno all’utilizzo del vecchio nome della città “Stalingrado” in cinque date simboliche, tra le quali l’anniversario della vittoria dell’esercito Sovietico su quello Nazista.

Il cambio simbolico del nome in queste date è stata voluta nell’ottica storica patriottica adottata dal Presidente Vladimir Putin. Vi sono cantieri navali, raffinerie petrolifere, produzioni di acciaio, alluminio e prodotti chimici. Vi sono, inoltre, stabilimenti per la fabbricazione di macchinari e veicoli. Il vecchio mulino, dopo la guerra. Mamaev Kurgan, secondo il motto nazionale, è il punto più alto della Russia. Il museo panoramico, dedicato alla sconfitta delle truppe tedesche della Wehrmacht a Stalingrado, è stato aperto nel 1982 ed è situato nel centro della città.

I resti del vecchio mulino sono l’unico edificio sopravvissuto alla guerra. La Via degli Eroi, una strada pedonale che affianca le sponde del Volga. Termina con un obelisco, inaugurato l’8 settembre 1985, dedicato agli eroi dell’Unione Sovietica e con la Medaglia alla Regione di Volgograd. Questa sezione sull’argomento centri abitati è ancora vuota. La città ha un tipico clima continentale con inverni rigidi ed estati brevi ma calde.

Volgograd, e si sviluppa per una lunghezza di 35 chilometri lungo il Volga. 21 marzo 1944 sul luogo di un insediamento del XVIII secolo, fino ad allora Sarepta. Al suo interno c’è Staraja Sarepta, piccolo paese costruito nel 1765, ora diventato una sorta di museo. Lo stesso argomento in dettaglio: Rete tranviaria di Volgograd. Volgograd è dotata di numerose linee tramviarie e di autobus. Vi è inoltre una linea metrotranviaria, nota come Volgograd Metrotram.

Lo stesso argomento in dettaglio: Volga-Aviaexpress e Aeroporto di Volgograd. La città è servita dall’Aeroporto di Volgograd, importante scalo aeroportuale internazionale nella Russia meridionale. URL consultato il 2 dicembre 2017. Russian Academy of Arts notizia del 25. URL consultato il 3 luglio 2011. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 27 gen 2019 alle 15:56. Vedi le condizioni d’uso per i dettagli.