Storie di carta PDF

Questa voce o sezione sull’argomento televisione è priva o carente di note e riferimenti bibliografici puntuali. Questa voce o sezione sull’storie di carta PDF televisione non è ancora formattata secondo gli standard.


Författare: Giovanni Cornaglia.

Una storia di carta ovviamente quella della Cartiera di Fossano, che diventa storia di persone, di speranze, di sacrifici, di fatica.

La prima stagione della serie televisiva La casa di carta è stata trasmessa da Antena 3 dal 2 maggio al 23 novembre 2017. Un uomo misterioso che si fa chiamare Professore riunisce un gruppo di criminali allo scopo di realizzare un colpo presso la zecca di Stato spagnola. Rio è vivo, è solo ferito alla testa. Berlino, al telefono con il Professore, gli rivela che Tokyo e Rio hanno una relazione, ma lei smentisce tutto. Rio, invece, quando sono soli, conferma a Berlino che ama Tokyo. Cominciano a esserci dei flashback ambientati nei cinque mesi di addestramento con il Professore. Tra il Professore e la polizia si avvia un lento processo di negoziazione, ma il Professore si dimostra sempre un passo avanti rispetto alle autorità.

Mentre la polizia cerca di entrare nella zecca da diverse angolazioni, Alison Parker, sotto minaccia di una pistola, effettua una chiamata al quartier generale della polizia e rivela che i rapinatori hanno fatto vestire gli ostaggi uguali a loro, con la tuta rossa e la medesima maschera di Dalì, fornendoli di armi finte: è impossibile dunque distinguere sequestratori da ostaggi. Per non provocare spargimenti di sangue inutili, la polizia per il momento si ritira e rinuncia a fare irruzione. Raquel, amareggiata per come stanno andando le cose e per gli scontri continui con il colonnello Prieto, decide di andare in un bar, da cui prova a chiamare sua madre, ma ha la batteria del cellulare scarica, così un uomo seduto lì vicino le porge il suo powerbank perché possa telefonare: quell’uomo è il Professore. Sono passate 20 ore dall’inizio della rapina. Il gruppo assegna a ognuno degli ostaggi del lavoro da svolgere: stampare i soldi o scavare un tunnel per scappare.

Nel frattempo Raquel Murillo nel bar, usando sempre il cellulare del Professore, anticipa ai suoi superiori al telefono che intende dimettersi qualora l’operazione venisse influenzata da Prieto e dai suoi interessi diplomatici. Monica Gaztambide, sotto minaccia delle armi, esce con un gruppo di sequestratori e di ostaggi travestiti con maschere e tuta per rilasciare una dichiarazione in cui i sequestratori si scusano per aver ferito dei poliziotti e chiedendo alla polizia di non entrare nella zecca e di non sparare. La polizia intuisce quale tra gli uomini mascherati che circondano Monica potrebbe essere un sequestratore, ma Rubio ordina di non sparare e di attendere. Ad Alison Parker viene permesso di rilasciare un video per i suoi genitori sotto sorveglianza di Rio.

All’arrivo di Tokyo, Rio inizia a discutere con lei della loro relazione, e Alison ne approfitta per accendere il proprio cellulare e tentare di cancellare la foto osé su Instagram. La polizia rintraccia il segnale: tramite le telecamere del telefono individuano un’immagine di Rio confrontandola con gli archivi: il suo nome è Anibal Cortes. Intanto Raquel decide di tornare in servizio, contatta il Professore e gli rivela di conoscere l’identità di Rio, che hanno immagini dall’interno relative ai 67 telefoni cellulari, ritirati ai sequestrati e attaccati al muro e dando al gruppo un’ora di tempo per arrendersi. Il Professore contatta subito Berlino dicendogli di trovare immediatamente il telefono di Alison: dopo un acceso scontro verbale in cui Rio ammette la sua distrazione, Berlino ordina a Oslo ed Helsinki di picchiarlo. Il Professore nuovamente incontra “casualmente” Raquel Murillo nello stesso bar: la donna, insospettita dalle domande dell’uomo sulla rapina, lo immobilizza pensando che sia un giornalista a caccia di scoop. Il Professore le dice di chiamarsi Salvador Martin, di non essere affatto un giornalista, ma un semplice frequentatore abituale di quel locale, e anche il barista conferma.

Raquel esce pertanto dal locale imbarazzata e turbata per la propria reazione. Berlino scopre che Monica Gaztambide nasconde addosso un cellulare e se la prende con Denver, perché era lui ad avere l’incarico di sorvegliarla: gli ordina perciò di ucciderla. Tokyo reagisce irata alla scoperta delle percosse su Rio: comincia a sparare alle telecamere accese che il Professore può controllare dall’esterno e afferma che ucciderà il prossimo che toccherà Rio. In un momento di tensione tra la donna, Oslo, Helsinki e Berlino, il Professore al telefono dice a Tokyo che la sua storia d’amore con Rio è stata causa di guai: la polizia ha scoperto l’identità proprio di loro due, e la loro foto è su tutti i telegiornali. Denver non trova il coraggio per uccidere l’ostaggio e spara alla coscia di Monica senza assassinarla. Sono passate 26 ore dalla rapina.

Tutti sentono lo sparo provocato da Denver e gli ostaggi hanno paura. L’uomo infatti fa credere a Berlino di aver ucciso Monica, che in realtà nasconde in un caveau. Monica non ha preso la pillola abortiva. Berlino comunica a tutti gli altri che Denver ha ucciso Monica.