Tesori nascosti. I vangeli apocrifi gnostici di Tommaso, Filippo, Giuda e Maria Maddalena PDF

Tesori nascosti. I vangeli apocrifi gnostici di Tommaso, Filippo, Giuda e Maria Maddalena PDF allora molti malati e storpi vennero da Gesù, chiedendogli: Se tu conosci tutte le cose, dicci perché soffriamo questi dolorosi tormenti, perché non siamo come tutti gli altri uomini? Maestro risanaci, rendici forti, non lasciarci più vivere nella nostra miseria. Sappiamo che hai il potere di sanare ogni specie di male, dunque liberaci da Satana e da tutte le sue grandi afflizioni.


Författare: Mario Di Stefano.

E Gesù rispose: Felici voi che siete affamati di verità, perché io vi sazierò con il pane della saggezza. Felici voi che volete sottrarvi al potere di Satana, perché vi condurrò nel regno degli angeli di nostra Madre, dove il potere di Satana non può entrare. Ed essi chiesero sorpresi: Chi è nostra Madre, e quali sono i suoi angeli? Vostra Madre è in voi e voi siete in lei. Lei vi ha generato, lei vi dà la vita. Fu lei a edificare il vostro corpo e un giorno lo restituirete a lei. Sarete felici quando conoscerete lei e il suo regno e accoglierete i suoi angeli rispettando le sue Leggi.

Perché il potere di nostra Madre è al di sopra di tutto, esso, governando i nostri corpi e tutte le cose viventi, annienta Satana e il suo regno. Giuda Iscariota è l’Apostolo di Gesù passato alla Storia come il suo traditore mentre, oggi, dopo la scoperta e pubblicazione del Vangelo di Giuda qualcuno ha e sta cercando di rivalutarne la sua figura. Il Vangelo di Giuda, infatti, vede l’Apostolo non come traditore, ma, come chi rispondendo ad una precisa richiesta di Gesù, ha consegnato il suo Maestro ai Sommi Sacerdoti per permettere che il suo spirito ne lasciasse il corpo mortale. Questa visione e l’attuale traduzione del Vangelo di Giuda è stata contestata da altri studiosi in un articolo del New York Times riportando la traduzione alla visione originale dell’Apostolo traditore.

Ponzio Pilato è stato il procuratore romano divenuto famoso, grazie ai Vangeli, per aver processato e condannato alla croce Gesù. Successore di Valerio Grato viene sostituito dall’imperatore Tiberio nel 36 o 36 D. Mentre Pilato è di ritorrno a Roma, l’imperatore Tiberio muore e gli succede Caligola. III, I Pilato, governatore della Giudea, quando trasse l’esercito da Cesarea e lo mandò ai quartieri d’inverno di Gerusalemme, compì un passo audace in sovversione delle pratiche giudaiche, introducendo in città i busti degli imperatori che erano attaccati agli stendardi militari, poiché la nostra legge vieta di fare immagini. Il periodo storico La morte di Gesù, oltre alla data di nascità, è una delle domande a cui gli studiosi da duemila anni cercano di dare una risposta. Nell’anno decimoquinto dell’impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetrarca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetrarca dell’Iturèa e della Traconìtide, e Lisània tetrarca dell’Abilène, sotto i sommi sacerdoti Anna e Caifa, la parola di Dio scese su Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto. Secondi Imperatore Romano, successore di Cesare Augusto, in carica dal 14 al 37 D.

Erode Antipa Figlio di Erode il Grande, tetrarca della Galilea dal 4 A. Erode Filippo Figlio di Erode il Grande, tetrarca della Iturèa e della Traconìtide dal 4 A. Ponzio Pilato Procuratore della Giudea dal 26 al 36 D. Caduti tutti e due ammalati, l’uno morì e l’altro stava agonizzando. Ho avuto due figli: uno l’ho sepolto proprio ora e l’altro è in procinto di morire. La padrona Maria, vedendo l’amarezza del suo pianto, ne ebbe misericordia.