Val di Fiemme, Pale di San Martino e Passo Rolle PDF

Questa voce o sezione sull’argomento Trentino-Alto Adige non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. La valle, assieme alla Val di Fassa e alla Val di Cembra, costituisce il bacino idrografico del torrente Avisio, affluente val di Fiemme, Pale di San Martino e Passo Rolle PDF sinistra del fiume Adige.


Författare: Sergio Grillo.

51 itinerari con 46 varianti per affrontare le Dolomiti da molteplici punti di vista e per calibrare le uscite secondo i propri desideri e la propria forma fisica. In più, itinerari “a tema” per soddisfare l’aspetto fisico e sportivo ma anche quello naturale, storico, artistico e culturale.

Con i suoi 11 paesi, è delimitata da celebri monti come la Catena del Lagorai e il gruppo del Latemar. I boschi della Val di Fiemme appartengono quasi esclusivamente ai Comuni e alla “Magnifica Comunità di Fiemme”, un’originale e antichissima istituzione di reminiscenza longobarda che dal 1100 al 1800 ha costituito una sorta di piccola repubblica nell’ambito del principato di Trento. A Cavalese, presso la Pieve dell’Assunta, a testimonianza dell’istituzione medievale, è ancora visibile un manufatto di forma circolare, cd. La Val di Fiemme è impegnata nella lotta per la protezione dell’ambiente con numerose attività messe in atto dai singoli Comuni e dall’intera comunità di valle. La principale via di comunicazione della valle è costituita dall’arteria stradale che sale dalla Valle dell’Adige, la Strada statale 48 delle Dolomiti, che giunta a Predazzo prosegue verso la Val di Fassa. Fino al 1963 era attivo un servizio ferroviario, la Ferrovia della Val di Fiemme, che percorreva l’intera valle salendo da Ora fino a Predazzo. L’economia della valle si basa sul turismo, sia invernale che estivo, su diverse attività artigianali e sullo sfruttamento delle risorse naturali.

La storia recente della valle è stata segnata da alcuni eventi luttuosi. Il 9 marzo 1976 42 persone, tra queste ben 15 bambini, morirono cadendo con la cabina della funivia del Cermis, montagna nel comune di Cavalese. Il 19 luglio 1985 una colata di acqua fango e detriti a causa del cedimento delle dighe della miniera di Prestavel investì e distrusse la frazione di Stava, nel comune di Tesero. Il 3 febbraio 1998 un aereo militare statunitense in volo a bassa quota tranciò il cavo della funivia del Cermis. L’incidente provocò la morte di 19 passeggeri e del manovratore.