Vita di un uomo «scomodo» da quando era bambino. La Resistenza, il sesso, l’amore, la Spal (e il magna-magna dei partiti ferraresi) PDF

Vita di un uomo «scomodo» da quando era bambino. La Resistenza, il sesso, l’amore, la Spal (e il magna-magna dei partiti ferraresi) PDF libri rilegati ed usurati nella biblioteca del Merton College a Oxford. Un libro è costituito da un insieme di fogli, stampati oppure manoscritti, delle stesse dimensioni, rilegati insieme in un certo ordine e racchiusi da una copertina. Il libro è il veicolo più diffuso del sapere. L’insieme delle opere stampate, inclusi i libri, è detto letteratura.


Författare: Vittorio Mangherini.

L’autore, nato a Jolanda di Savoia (Ferrara) il 18 maggio 1933, racconta con penna ora tenera, ora tagliente la sua vita rocambolesca dedicata alla famiglia, alla politica e allo sport. Da quando, bambino con le braghe corte, consegna a Ostellato e Migliarino i messaggi degli antifascisti durante la Resistenza e si prende gioco sia dei tedeschi facendo – tra le altre cose – affondare un sergente in un letamaio, sia delle guardie vallive pescando di frodo le anguille senza farsi mai acchiappare. Fino ai primi amori tastati nel buio di un cinema o sui carri del fieno, per arrivare alla riforma agraria, al matrimonio con Emma e all’assunzione in ospedale, agli incontri con Pietro Nenni e Palmiro Togliatti che lo incitano a proseguire nel suo impegno di sindacalista e comunista progressista («La sinistra amministra male la cosa pubblica. Gente poco adatta dirige tutta la produzione ferrarese», «Mi viene il primo dubbio sul comunismo e mi dico: “Se questo è il comunismo reale io non ci sto”» sarà il filo rosso che annoda le sue pagine più deluse). Con fotografie inedite di Ferrara e della sua provincia, su carta patinata, dal 1938 a oggi.

I libri sono pertanto opere letterarie. Un negozio che vende libri è detto libreria, termine che in italiano indica anche il mobile usato per conservare i libri. La biblioteca è il luogo usato per conservare e consultare i libri. La parola italiana libro deriva dal latino liber.

Livelli di produzione libraria europea dal 500 al 1800. L’evento chiave fu l’invenzione della stampa a caratteri mobili di Gutenberg nel XV secolo. La storia del libro segue una serie di innovazioni tecnologiche che hanno migliorato la qualità di conservazione del testo e l’accesso alle informazioni, la portabilità e il costo di produzione. Essa è strettamente legata alle contingenze economiche e politiche nella storia delle idee e delle religioni. Dall’invenzione nel 1456 della stampa a caratteri mobili di Gutenberg, per più di quattro secoli l’unico vero medium di massa è stata la parola stampata. La scrittura è la condizione per l’esistenza del testo e del libro. La scrittura, un sistema di segni durevoli che permette di trasmettere e conservare le informazioni, ha cominciato a svilupparsi tra il VII e il IV millennio a.

Quando i sistemi di scrittura furono inventati furono utilizzati quei materiali che permettevano la registrazione di informazioni sotto forma scritta: pietra, argilla, corteccia d’albero, lamiere di metallo. Lo studio di queste iscrizioni è conosciuto come epigrafia. Una tavoletta può esser definita come un mezzo fisicamente robusto adatto al trasporto e alla scrittura. Le tavolette di argilla furono ciò che il nome implica: pezzi di argilla secca appiattiti e facili da trasportare, con iscrizioni fatte per mezzo di uno stilo possibilmente inumidito per consentire impronte scritte. Le tavolette di cera erano assicelle di legno ricoperte da uno strato abbastanza spesso di cera che veniva incisa da uno stilo. Servivano da materiale normale di scrittura nelle scuole, in contabilità, e per prendere appunti. Avevano il vantaggio di essere riutilizzabili: la cera poteva essere fusa e riformare una “pagina bianca”.